Nei giorni scorsi, al Rifugio Arnaldo Berni, a Valfurva, è stato sottoscritto l’atto aggiuntivo al Protocollo per la valorizzazione della strada provinciale e del Passo del Gavia nel Parco nazionale dello Stelvio.

 

Un accordo che segue la sottoscrizione del Protocollo del 15 febbraio scorso e che prevede una serie di lavori per la strada e il Passo Gavia luoghi di attrazione culturale, ambientale e scientifica, in un'ottica di elevata sostenibilità ambientale e paesistica.

Coinvolti anche la Comunità montana di Vallecamonica, l’Unione dei Comuni dell’alta Vallecamonica, il Comune di Pontedilegno ed, ovviamente, il Parco dello Stelvio. La Regione stanzierà 200mila euro degli 890mila totali che serviranno per le opere di sistemazione e messa in sicurezza della strada 'Bormio-Passo Gavia-Ponte di Legno' e della galleria sul versante bresciano; di copertura della rete di telecomunicazione e del progetto di recupero e valorizzazione della strada storica del Gavia; della promozione ed aumento della fruibilità turistica dell'area; dell’individuazione dei periodi di apertura del Passo e della modalità di approvvigionamento per le strutture della valle per gli interventi di protezione civile e soccorso; di miglioramento della rete sentieristica e dell’incremento dall'offerta di servizi ai cicloturisti.

'Coniugando la fruibilità con l'offerta turistica’, ha detto Massimo Sertori, Assessore alla Montagna, Enti Locali e Piccoli Comuni, ‘permetteremo di aumentare l'attrattività di un valico alpino che ha un ruolo fondamentale, perchè mette in collegamento l'Alta Valtellina con l'Alta Valle Camonica'.

Commenti

Il nuovo sito di Voce Camuna

Annunci & Mercatino.

Vai all'inizio della pagina