Non piove e non nevica, ed a risentirne è anche il lago d’Iseo.

 

Una situazione che ormai si ripete da anni: nei primi giorni del 2019, il livello del lago è di +24 centimetri, circa 40 sotto la media, con 24 miliardi di litri di acqua in meno ed afflussi di 20 metri cubi al secondo. L’anno scorso, in realtà, era andata peggio, con il livello a solo +1 centimetro.

Il Consorzio dell’Oglio spera, come accaduto in passato, nelle piogge primaverili, che hanno alzato il livello del lago e scongiurato il pericolo siccità. L’assenza di neve in montagna, però, continua a preoccupare e costringe il Consorzio a tenere alta la guardia.

Vai all'inizio della pagina