Con le deposizioni dei primi testimoni è iniziato giovedì il processo a carico di Pierluigi Mottinelli.

 

L'ex presidente della Provincia di Brescia è accusato di peculato per l'utilizzo di un'auto presa dall'ente con un contratto di locazione a lungo termine.

In aula sono stati sentiti dirigenti, funzionari, autisti. È emerso che tutti sapevano dell'utilizzo della vettura da parte dell'ex presidente. Si trattava inoltre di un'auto di servizio e non di un'auto di rappresentanza.

La tesi difensiva è che l'utilizzo, senza autisti, ha consentito un risparmio all'Amministrazione Provinciale.

Altri testimoni saranno sentiti il prossimo primo ottobre, data in cui è stato aggiornato il processo, quando anche Mottinelli racconterà la sua verità in aula.

Vai all'inizio della pagina