Gli incontri effettuati dai Carabinieri nelle scuole della Vallecamonica per contrastare il fenomeno dello spaccio davanti agli istituti ha portato i suoi frutti.

 

Venerdì pomeriggio, i Carabinieri di Darfo hanno infatti arrestato un 18enne per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. L’arresto è avvenuto dopo alcune segnalazioni effettuate dagli studenti stessi sul conto del giovane, incensurato e da poco maggiorenne, che svolgeva l’attività di spaccio di droga dopo essere stato contattato su Whatsapp e davanti alle scuole o in luoghi frequentati da pusher a Darfo, Breno e Capo di Ponte.

I Carabinieri hanno così raccolto in caserma le testimonianze di una trentina di giovani, accompagnati dai loro genitori, ed effettuato una perquisizione a casa del 18enne: al suo interno, sono stati rinvenuti venti grammi di hashish e poco meno di dieci grammi di marijuana.

Per il giovane sono scattate quindi le manette, con un’accusa aggravata dal fatto che spacciasse a minorenni davanti alle scuole. Il Giudice del Tribunale di Brescia ha convalidato l’arresto ed applicato nei confronti del 18enne la misura dell’obbligo di presentazione davanti alla Polizia Giudiziaria.

Vai all'inizio della pagina