Sabato a Cerveno terza tappa del progetto ‘La Memoria delle Pietre’, progetto promosso dal Distretto Culturale di Vallecamonica che coinvolge una decina di Comuni e la Regione Lombardia.

Dopo le opere inaugurate l’autunno scorso a Vezza d’Oglio e a Braone, ora tocca a ‘Frammenti di luna’, una scultura a carattere permanente formata da due parti realizzate con la pietra nero venato (tipica della Concarena).

Anche in questo caso, all’opera è stato affiancato un brano musicale, che potrà essere ascoltato pigiando un tasto alla sua base o tramite un codice QR con il proprio smartphone e che è stato realizzato campionando e mixando oltre cento suoni di lavorazione che dialogano con un pianoforte.

Il programma della giornata prevede alle ore 10:15 il ritrovo in Municipio; alle 10:30 la partenza verso il parchetto in cui è stata posta l’installazione e, a seguire, i saluti dell’Amministrazione comunale, il racconto dell’opera, la visione dei disegni realizzati dai bambini della Scuola Primaria, lo svelamento dell’opera e l’ascolto del brano.

‘La Memoria delle Pietre’ vede il coinvolgimento nella parte artistica di Alessandro Pedretti, musicista di Concesio e Milena Berta, scultrice di Vezza d’Oglio, mentre la parte musicale è stata affidata a Pierangelo Taboni, musicista camuno.

Il progetto ha una durata triennale: in estate, a Vezza d’Oglio, partirà la nuova edizione.

Vai all'inizio della pagina