Il Rifugio Gnutti di Sonico si aggiunge all’elenco dei rifugi della Vallecamonica dotati di un impianto di fitodepurazione.

 

A metà giugno partiranno i lavori di realizzazione della vasca di raccolta delle acque reflue e di posa delle piantine acquatiche che ne permetteranno la depurazione, seguendo lo stesso procedimento di autodepurazione negli ambienti lacustri e fluviali. Il progetto sarà seguito dalla Comunità Montana, con la famiglia Gnutti, il Cai Brescia, Enel Power Energia e Parco dell’Adamello. 75mila euro il costo dell’intervento, di cui 30mila dalla famiglia Gnutti e 15mila a testa dalla Comunità Montana, Cai Brescia ed Enel. I lavori dovrebbero concludersi a metà luglio, prima del Pellegrinaggio in Adamello.

[Nella foto un momento della conferenza stampa di presentazione del progetto]

Vai all'inizio della pagina