Ai domiciliari nelle scorse ore un 34enne pregiudicato magrebino, residente a Piancogno, arrestato in flagranza di reato dai Carabinieri della Stazione di Darfo Boario Terme.

I militari lo stavano monitorando da diverse settimane, ritenendolo l’autore di una serie di cessioni di droga a tossicodipendenti residenti nel comune termale.

Nella mattina di domenica i carabinieri sono andati nella sua abitazione e hanno eseguito una perquisizione, ma non hanno trovato droga nell’abitazione.

Durante l’attività di ricerca hanno però recuperato una chiave che ha aperto la porta di una cantina, all’interno della quale erano nascosti 50 grammi di cocaina e due etti di hashish.

L’uomo è stato arrestato e dopo la convalida del Giudice del Tribunale di Brescia è stato ristretto ai domiciliari.

Stessa sorte è toccata a un artigiano 37enne di Esine che è stato fermato per un controllo da una pattuglia di Pisogne mentre era a bordo della sua auto.

Tradito dal suo nervosismo è stato sottoposto a perquisizione.

Nella tasca dei pantaloni aveva quasi venticinque grammi di cocaina. Si è giustificato riferendo che si trattava di sostanza detenuta per uso personale, ma è stato poi tratto in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio.

Vai all'inizio della pagina