Diverse le prime pagine dei vari quotidiani locali quest’oggi, con l’apertura di Giornale di Brescia che riguarda i dati positivi sull’occupazione diffusi dall’Istat “Più occupati, boom di laureate” e Bresciaoggi che titola “Scuola, la battaglia sui vaccini” rimarcando le controversie che si stanno verificando con l’inizio della scuola e la presentazione dei certificati vaccinali, sottolineando però che a Brescia nessun bambino è stato mandato a casa.

Corriere Brescia mette in apertura la pubblicazione delle motivazioni di condanna di Tramonte e Maggi all’ergastolo per la strage di Piazza Loggia “Maggi mandante certo”, leggiamo nel titolo, mentre nel trafiletto in prima pagina si legge che Tramonte prese parte alle riunioni. Attentato pianificato ad Abano Terme.

Il delitto di Palosco in apertura sull’Eco di Bergamo, perché sono stati bloccati a Leno due indiani autori dell’omicidio di un loro connazionale 22enne. La notizia viene ripresa anche da Bresciaoggi, in quanto i malviventi si erano rifugiati nel paese bresciano e stavano progettando di scappare in Germania.
“In due ore la pioggia di un mese” è invece l’argomento che accomuna Gdb e Corriere Brescia, che riprota i dati relativi alle abbondanti precipitazioni di ieri. In centro su Gdb anche una notizia dell’ultim’ora: lo schianto di un’auto a Flero. Il conducente è morto, incastrato tra le lamiere mentre la vettura bruciava. Al momento di andare in stampa Gdb non aveva ancora tutti i dettagli dell’incidente, compresa l’identità della vittima.

Le testate bresciane aprono oggi con il bando pubblicato dal Comune di Brescia, che prevede contributi ai privati che decideranno mettere a disposizione case sfitte a prezzi calmierati. Il dato positivo riguarda il calo del numero degli sfratti. Titolo d’apertura per Giornale di Brescia e Corriere Brescia su questo argomento, mentre Bresciaoggi gli riserva il taglio alto, tenendo l’apertura per la ludopatia e il “Giro di vite sul gioco d’azzardo” previsto dall’accordo tra Regioni e Governo.

Si continua poi a parlare della morte della piccola Sofia. L’autopsia eseguita ieri ha infatti confermato che a causare il decesso è stata la malaria. Ora le indagini proseguono. Corriere Brescia riporta il particolare delle indagini sui bagagli della famiglia del Burkina Faso le cui bambine erano ricoverate per malaria nello stesso reparto di Sofia a Trento. Ma Giornale di Brescia ha raccolto nel frattempo la dichiarazione del nonno della piccola: “Noi non accusiamo nessuno. Tocca ai medici dirci come e perché Sofia è stata uccisa dalla malaria”, una presa di posizione in difesa delle due sorelline africane.

Eco di Bergamo parla di emigrazione e di “fuga di cervelli”: “Nel 2016 abbiamo perso un paese”. Il riferimento è ai più di 3mila bergamaschi che lo scorso anno si sono trasferiti all’estero per lavoro. Di contro però nella bergamasca sono arrivati 5.700 immigrati nello stesso periodo.

Tutti i quotidiani di oggi, anche quelli locali, mettono in primo piano le inquietanti notizie che arrivano dalla Corea del Nord , che ha testato una bomba all’idrogeno che può armare un supermissile intercontinentale ed è 5 volte più potente di quella di Nagasaki.

Giornale di Brescia: “Corea del Nord, la sfida è atomica”; Bresciaoggi: “Bomba H, Usa pronti a reagire”; Eco di Bergamo: “Test nucleare, la Nord Corea sfida il mondo”.

L’altra notizia che accomuna le tre testate è locale e riguarda l’esibizione delle Frecce tricolori a Lovere.

Se Giornale di Brescia e Bresciaoggi parlano di 15mila persone accorse sul Sebino per vedere lo spettacolo, Eco è più cauto e riporta il dato di 10mila presenze. Regge il sistema di sicurezza, con lungolago pedonalizzato e barriere ai varchi.

I quotidiani bresciani riportano poi del sisma che ha interessato ieri il lago di Garda. “Tre scosse e un boato”, riporta Gdb, mentre Bresciaoggi scrive: “Terremoto, paura sul Garda” con epicentro a Tignale e Gargnano.

L’Eco dà spazio a una notizia di cronaca che arriva dalla Val Seriana dove un 21enne è stato colpito da un grosso sasso staccatosi dalla parete rocciosa mentre percorreva il sentiero al Coca. È in ospedale.

I giornali locali non possono non aprire, oggi, con il primo giorno di scuola: se il Giornale di Brescia si sofferma sul numero di studenti (200mila) che inizieranno l'anno scolastico, il Bresciaoggi sottolinea che le cattedre vuote sono mille, Un numero che nell'inserto bresciano del Corriere della Sera raddoppia fino a duemila, con rassicurazione di Mario Maviglia, dirigente dell'Ufficio scolastico territoriale, che la situazione sarà risolta nel giro di poche settimane. All'interno del Bresciaoggi, invece, si parla di scuola in Vallecamonica con due notizie: una è realtiva all'episodio di inciviltà accaduto a Pisogne, dove un'auto senza permesso si è messa davanti alla scuola nel parcheggio riservato ai diversamente abili, scatenando e polemiche online; l'altra si riferisce all'inaugurazione dei lavori di riqualificazione della scuola elementare di Malegno, ora coperta all'esterno da lana di pecora. L'Eco di Bergamo tratta invece il caso vaccinazioni, spiegando che nel Bergamasco sono stati rilasciati appena 4.500 certificati, con il rischio che numerosi bambini non possano accedere alle scuole nido.

La cronaca sul Giornale di Brescia, invece, ci parla dell'ennesima violenza sessuale, questa volta a Roma ai danni di una turista finlandese (notizia principale del Bresciaoggi), e delle ricerche di un deltaplano che sarebbe precipitato nel lago di Garda. L'Eco di Bergamo, invece, racconta dell'omicidio di un indiani di 22 anni a Palosco, probabilmente a causa di una faida per un debito, e dell'aggressione di un 50enne da parte dei ladri nella sua abitazione a Bolgare. Per quanto riguarda il nubifragio a Livorno, il Giornale di Brescia aggiorna il numero delle vittime, salito a sette, mentre il Bresciaoggi propone dei dati relativi alla nostra provincia, ad alta allerta idrogeologica. In particolare, i Comuni di Pian Camuno, Gianico e Darfo sono quelli più a rischio.

Infine, spazio al calcio, sul Bresciaoggi e nell'inserto bresciano del Corriere della Sera, con il tesseramento del Brescia: alta l'affluenza dei tifosi nel primo giorno utile di abbonamento.

 

I quotidiani bresciani tornano anche oggi sul caso di Sofia, la bambina trentina di 4 anni morta per la malaria all’ospedale Civile di Brescia. Oggi l’autopsia sul corpo mentre le indagini proseguono per capire come la piccola abbia contratto la malattia e sia morta.

“Malaria, lo stesso parassita per Sofia e le sorelline” è il titolo del Corriere Brescia che fa riferimento alle novità sugli accertamenti medici e al fatto che in reparto con Sofia erano ricoverate due sorelle affette da malaria.

“Morta per malaria, oggi l’autopsia per la piccola Sofia” il titolo di Gdb nel taglio basso.

L’apertura di Bresciaoggi ed Eco di Bergamo è sullo stesso argomento: l’innalzamento dell’età pensionabile delle donne, ovvero 66 anni e 7 mesi al gennaio 2018. L’età più alta nell’Ue, come riportano entrambi i quotidiani. Giornale di Brescia apre con l’immigrazione: “Migranti, l’Ue resta con l’Italia”.

Corriere Brescia parla di ambiente e cementificazione riprendendo le cifre diffuse da Coldiretti e Legambiente sui campi cancellati dal cemento.

È Bresciaoggi ad aprire questa mattina con l’argomento vaccini, dopo che il Ministero dell’istruzione ha emanato una circolare in cui si comunica che verranno accettate anche le autocertificazioni in cui si dichiara di aver richiesto alle Asl la somministrazione ai propri figli dei vaccini obbligatori non ancora effettuati.
Giornale di Brescia apre invece con l’economia e con i nuovi incoraggianti dati emessi dall’Istat, che parla di Pil all’1,5% e di ripresa dei consumi.

Eco di Bergamo torna sul caso delle uova al Fipronil, di cui si era occupato già ieri, rassicurando i consumatori bergamaschi: le 300mila uova contaminate giunte a Bergamo dal piacentino verranno distrutte. Ma è già allarme per un altro antiparassitario, l’Amitraz.

Corriere Brescia dedica l’apertura e due pagine all’interno all’intervista a Mario Maviglia, direttore dell’ufficio scolastico provinciale, che a gennaio andrà in pensione. Un quadro sulla scuola bresciana, dopo che ieri hanno preso il via i collegi docenti e gli esami di riparazione.

I quotidiani bresciani, ma anche l’Eco, riprendono poi con le immagini e la cronaca, la notizia dei funerali di Cesare e Raffaella Ziboni a Sale Marasino.

Anche sui quotidiani locali troviamo in primo piano notizie e commenti riguardo all'alluvione di Livorno e allo spaventoso (e ancora provvisorio) bilancio delle vittime. Sei i morti, di cui 4 di un'unica famiglia, 2 i dispersi.

Giornale di Brescia titola: "Nubifragio a Livorno, morti e dispersi nella città devastata". Brescioggi : "Sei morti nel diluvio, dolore e accuse", con l'editoriale di Stefano Valentini che parla dell'Italia e dell'incapacità di gestire le emergenze, dato che in Usa il tremendo uragano che sta passando a Maiami e in Florida sta mietendo, in proporzione, un numero più basso di vittime.

L'editoriale di Gdb è invece dedicato all'anniversario dell'11 settembre, che ricorre oggi, definito da Fulvio Cammarano l'evento evocativo "di un nuovo modo di percepire il mondo da parte degli occidentali".

Eco di Bregamo mette le notizie da Livorno in un trafiletto nel taglio alto, mentre dedica l'apertura a notizie di carattere locale, come sceglie quasi sempre di fare. Oggi si parla dell'area sciistica di Foppolo: "Foppolo tornerà grande. C'è un nome per la svolta".

Numerose poi le notizie locali sui vari giornali. I quotidiani bresciani mettono in prima pagina lo sport, con il Brescia che ha vinto ieri e il titolo di Gdb: "Brescia, da Parma tre punti di carattere" e quello di Bresciaoggi "brescia c'è la prima gioia" a festeggiare lo 0-1 portato a casa dalle Rondinelle.

La tragedia della bambina di 4 anni morta a causa della malaria cerebrale (contratta con ogni probabilità all’ospedale di Trento) occupa tutte le prime pagine dei quotidiani bresciani di oggi, poiché il decesso è avvenuto al Civile di Brescia, nel reparto di infettivologia dov’era stata trasferita dopo essere entrata in coma all’ospedale S. Chiara di Trento.

“Malaria. S’indaga sulla morte di Sofia. Caso eccezionale” titola Gdb.

“Malaria, inchiesta a Brescia” è il titolo del Bresciaoggi. “Malaria, tesi di omicidio colposo” scrive in apertura Corriere sezione Brescia.

Eco di Bergamo riporta la notizia nel taglio alto con un breve trafiletto, mentre in primo piano troviamo la cronaca dal territorio con la morte di un 17enne di Calvenzano, avvenuta in seguito allo scontro tra la sua moto e una Vitara a Treviglio.

Giornale di Brescia e Bresciaoggi parlano dei test d’ammissione al corso di laurea a Medicina e a quello di Odontoiatria. “Test a Medicina. Quasi 1200 per 200 posti” il titolo di Gdb, fotonotizia centrale anche per Bresciaoggi con il titolo “Medicina, la carica dei mille”.

Sono tutti argomenti che stanno occupando da giorni le pagine dei quotidiani, quelli messi in apertura alle testate locali quest’oggi, ma di diverso genere.

Giornale di Brescia mette in primo piano il botta e risposta tra Governo e Regione Lombardia, e in particolare tra il ministro Fedeli e l’assessore Gallera, in merito a quella che aveva l’aria di una proroga concessa dal welfare lombardo alla scadenza fissata per il 10 settembre di presentazione dei certificati vaccinali. Gallera risponde al ministro dell’Istruzione chiarendo che l’obiettivo è quello di ottenere il risultato della sostanza, ovvero far vaccinare i bambini, non emettere sanzioni o non accettare la loro iscrizione a scuola. A tal proposito Gdb, nelle pagine interne, dà voce anche al direttore dell’ufficio scolastico provinciale Maviglia, che sottolinea che il compito della scuola, più che controllare, sarà quello di informare.

Bresciaoggi cavalca la psicosi per un altro caso di cui si parla molto e titola: “Emergenza stupri, 4 in un giorno”, parlando del nuovo episodio di Rimini, che ha però contorni ben diversi da quelli dello scorso fine settimana, e di altri casi registrati in diverse città d’Italia, fino all’aggressione di una bresciana da parte di immigrati per portarle via la borsa.

Le uova al Fipronil sono invece l’argomento d’apertura di Eco di Bergamo, che riporta la notizia di una partita ritirata perché contenente tracce di insetticida, che se sotto a soglia limite per la pericolosità. Si tratta di uova, precisa però l’Eco, non prodotte nella bergamasca ma provenienti dal piacentino.

Corriere Brescia, infine, tratta l’argomento esenzioni e ticket, sottolineando come dai controlli dell’Agenzia delle Entrate sarebbero almeno 60mila i bresciani che hanno fruito dell’esenzione senza averne diritto. “Non sono tutti furbetti” il commento dei sindacati.

Ampio spazio viene dato, nelle prime pagine dei quotidiani locali, al tema dell'inquinamento: sul Giornale di Brescia si parla dei numerosi casi in cui fiumi e torrenti hanno presentato colori anomali e schiume, causa probabilmente di sversamenti da parte di alcune aziende agricole, che però respingono le accuse. Sul Bresciaoggi, invece, spazio alle parole dell'amministratore delegato della multinazionale che si occuperà della bonifica del sito Caffaro in città. A proposito di ambiente, proprio il Bresciaoggi in prima pagina segnala brevemente la notizia per cui la Regione finanzierà con 350mila euro le operazioni di pulizia del lago d'Iseo dalle alghe.

Mentre il Giornale di Brescia dedica la foto principale al terremoto in Messico, l'Eco di Bergamo segnala la partenza della raccolta fondi da parte del Centro missionario diocesano a favore della ricostruzione nel villaggio delle Antille francesi in cui opera don Fiorenzo Rossi, distrutto dal passaggio dell'uragano Irma, che in questi giorni sta preoccupando la Florida.

La cronaca è protagonista del titolo principale del Bresciaoggi, che parla dell'allarme per alcuni insetti infetti di una malattia virale ad Anzio, sul litorale romano. Una notizia che, dopo la scomparsa della bambina di 4 anni per malaria, desta preoccupazione. Il Bresciaoggi, invece, racconta la notizia dell'investimento di una bambina a Gavardo, ora ricoverata a Brescia. Sull'Eco di Bergamo la notizia della morte di un 41enne di Verdellino mentre era in vacanza con la moglie nel Viterbese: per recuperare il cane caduto in un dirupo, anche l'uomo è caduto. Sempre l'Eco di Bergamo, inoltre, annuncia che dal 16 dicembre sarà attivata la fermata della stazione ferroviaria dell'ospedale.

A pochi giorni dalla partenza delle scuole, il Bresciaoggi dedica spazio anche alla digitalizzazione degli istituti comunali cittadini con la fibra ottica. La notizia viene ripresa in prima pagina anche dall'inserto bresciano del Corriere della Sera. Una novità per le scuole bresciane, che però si spera non oscuri la necessità di operare anche in altri contesti legati all'amministrazione degli edifici scolastici.

Infine, per il calcio, sia il Giornale di Brescia che il Bresciaoggi che l'inserto bresciano del Corriere della Sera citano l'apertura della campagna abbonamenti del Brescia.

Aprono le scuole, ed il Giornale di Brescia dedica la prima pagina all'aumento di studenti che preferiscono usare i mezzi pubblici per andare a scuola, per la gioia delle compagnie di autobus ed un po' meno dei genitori che si ritrovano a pagare gli abbonamenti. Il Bresciaoggi, invece, si sofferma sul caso profughi e case sfitte, con il censimento imposto dal Governo e le polemiche di Confedilizia. Per parlare di Vallecamonica in prima pagina bisogna restare sul Bresciaoggi, dove si accenna al no del Cai al progetto del Tricolore sull'Adamello proposto da Impronta camuna, che segue quello del Parco Adamello, e dove si parla, a fondo pagina, del record del Bresciano che, con 220 impianti, di minicentrali idroelettriche, citando i casi di Malegno e quello più recente di Isola.

Sul Giornale di Brescia, invece, si parla di cronaca, con il caso della bambina scomparsa dopo una puntura e ricoverata da Trento a Brescia, così come del caso del fiume rosso a Remedello, a causa forse delle alghe o di uno sversamento. Del problema alghe sul lago d'Iseo sui parla all'interno del Bresciaoggi, con l'idea del Consorzio dell'Oglio e dell'Autorità di bacino dell'eradicazione totale per risolvere il problema che si ripresenta ogni anno, scatendo sempre le solite polemiche. Di ambiente si parla anche nell'inserto bresciano del Corriere della Sera, dove si cita il record di Brescia, che smaltisce l'81% dei rifiuti speciali della Lombardia. Un dato che deve far pensare alla gestione dei rifiuti su tutta la Regione.

Sempre nell'inserto bresciano del Corriere della Sera, a fondo pagina, la notizia per cui la mostra di Steve McCurry che avrebbe dovuto chiudere in questi giorni sarà prorogata fino al primo ottobre. Infine, per lo sport, sia il Giornale di Brescia che il Bresciaoggi dedicano spazio all'evento di ieri in piazza Paolo Vi in città riservato agli appassionati di basket, con i campioni dell'Nba e la presenza di Ron Harper.

"L'Italia cresce più del previsto" è il titolo di apertura del Giornale di Brescia, che riprende le ultime notizie di economia e parla del rialzo delle stime di Moody del Pil italiano nel 2017 e 2018.
Titolo di carattere generale anche per Bresciaoggi: "Pensioni anche ai giovani precari", argomento citato  nel pezzo d'apertura anche da Gdb. Le stime di Moodys su Brescioggi vengono relegate all'ultima riga del trafiletto principale.

L'addio a Luciano e Marcello, due delle vittime delle ultime tragedie verificatesi in montagna, sulle prime pagine di entrambi i quotidiani bresciani. Domani i funerali di Raffaella e Cesare, madre e figlio, anch'essi morti in montagna.

Corriere Brescia apre con la viabilità di Brescia e con le modifiche alla zona tra via Corsica e via Dalmazia, dove per l'inizio delle scuole ci saranno tre nuove rotatorie. Nel taglio alto spazio in prima pagina all'apertura della banca del latte materno al Civile di Brescia, quarto punto del genere in Lombardia.

Eco di Bergamo apre con l'economia, mettendo anch'esso in primo piano il Pil italiano "L'Italia va. Anche Moody's ottimista". in centro la fotografia della ressa creatasi ieri all'atalanta store per l'acquisto dei biglietti per le sfide dell'Europa League.

 

 

Commenti

Il nuovo sito di Voce Camuna

Annunci & Mercatino.

Vai all'inizio della pagina