Tutti i quotidiani locali aprono con i nomi dei candidati ai collegi della Provincia in vista delle elezioni del 4 marzo. Il Bresciaoggi, però, è un po' più pessimista, sostenendo che considerata la nuova legge elettorale ed altri fattori, i bresciani a Roma saranno di meno rispetto al passato.

Per quanto riguarda la cronaca, invece, a fondo pagine del Giornale di Brescia si accenna a due episodi legati al fenomeno delle baby gang in città e provincia, mentre il Bresciaoggi ne riporta un altro legato alla Vallecamonica dove, a Boario Terme, un gruppo di giovani tra i 16 ed i 18 anni aggredivano alcune auto nei pressi delle Terme. L'Eco di Bergamo, invece, riporta la notizia dell'incidente in cui è morto un 40enne della città.

Spazio anche alle condanne da parte del Tribunale di Brescia per il caso legato al crac del caseificio Medeghini, che è fallito nel 2010 con un buco da 600 miliardi di euro. Giovanni ed Arturo Medeghini sono stati condannati ad otto anni, mentre il fratello Severino a quattro anni ed otto mesi.

In piena campagna elettorale, anche i giornali locali si occupano di politica in prima pagina. Il Giornale di Brescia, ad esempio, spiega come la 'flat tax' (ovvero il sistema fiscale proporzionale e non progressivo) divida centrodestra e centrosinistra, mentre il Bresciaoggi propone un'intervista esclusiva a Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute. L'inserto bresciano del Corriere della Sera, invece, si occupa delle elezioni a livello locale, con i nomi che circolano nel centrodestra.

La cronaca locale ci porta all'interno dei giornali, dove si parla, sul Giornale di Brescia, delle indagini sull'incidente di domenica mattina nella galleria Trentapassi, per cui un 30enne tunisino, che avrebbe provocato la carambola, sarebbe risultato positivo all'alcol test e senza patente. Sul Bresciaoggi, invece, si racconta dell'ennesimo caso di bracconaggio, avvenuto a Pezzo dove, dei bracconieri, hanno ucciso con una balestra una cerva e poi sono fuggiti lasciando la carcassa a terra una volta che un vigilante è passato in zona. Sull'Eco di Bergamo, inoltre, si parla dell'aumento in Provincia degli infortuni sul lavoro nel 2017.

Il tema sicurezza è affrontato sia dal Giornale di Brescia che dall'inserto bresciano del Corriere della Sera, in cui si parla del protocollo firmato dalla Prefettura e da alcuni Comuni per il controllo volontario, che coinvolgerà le forze dell'ordine di vari paesi. Spazio, infine, sul Giornale di Brescia, ai manager pubblici bresciani più pagati negli enti pubblici secondo le dichiarazioni dei redditi del 2016, ma anche, sul Bresciaoggi, al timbro messo dalla Corte dei Conti alla Tav tra Brescia e Verona.

Giornale di Brescia si occupa in primo piano del picco dell’influenza, in arrivo in questi giorni. Almeno 25mila i bresciani che saranno costretti a letto, scrive nel titolo. Bresciaoggi apre invece con il caso di meningite registrato a Ghedi: “Grave a tre anni: è meningite”. Notizia ripresa in prima pagina anche da GdB: “Ricoverato per meningite. Profilassi per 150 persone” ovvero i bambini della materna frequentata dal bambino e i suoi familiari. Giornale di Brescia riporta ce il piccolo non sarebbe in pericolo di vita.
apertura di carattere sanitario anche per l’Eco di Bergamo: “Medici di base sotto accusa. È scontro sulle visite a casa”.
Bresciaoggi, sempre sul tema, dà notizia in centro pagina delle lettere che Regione Lombardia recapiterà a casa di 300mila malati cronici del bresciano per la presa in carico da parte dei medici di base o di strutture sanitarie: “Malati cronici, scatta l’ora x”.
si parla poi di sci e dell’impresa delle azzurre, che ieri hanno occupato il podio come non era mai accaduto nella storia della discesa libera. Al terzo posto Nadia Fanchini. GdB: “Tripletta storica: Nadia sul podio azzurro”; Bresciaoggi: “Sci, storica tripletta italiana sul podio di Coppa del mondo”: Eco: “Coppa del mondo. Goggia da record in libera”.

Ancora le liste provinciali per le Regionali del 4 marzo in primo piano su Giornale di Brescia. Il titolo “Liste regionali, i giochi sono fatti” e l’aggiornamento interno con l’elenco dei nomi appartenenti alle varie liste.

Anche Corriere Brescia ne parla con due trafiletti, uno dedicato al centrodestra dal titolo “Lega, tre sindaci. Lista Lacquaniti” e uno al centrosinistra “Ratti. Le 141 firme che lacerano il Pd”.

L’apertura del Corriere è però dedicata a un altro argomento, ovvero i tagli al trasporto locale: “Trasporti, i festivi sono a rischio”. Dei problemi economici dell’agenzia del Trasporto pubblico locale parlano anche gli altri quotidiani bresciani: “Trasporti senza soldi, bus festivi a rischio” scrive Giornale di Brescia. Bresciaoggi: “Bus, mancano i finanziamenti”.

L’addio ad Azeglio Vicini sulle prime pagine dei quotidiani bresciani: Gdb: “Addio ad Azeglio Vicini, il ct delle notti magiche”; Brescioggi: “Addio Vicini il ct galantuomo”; Corriere: “Brescia piange il ct della gente”. Vicini era romagnolo, ma da tempo viveva a Brescia.

La politica in primo piano su Giornale di Brescia con le polemiche delle ultime ore sul voto Grillo no alleanze. Nella Lega è scontro sulla Bongiorno. Accanto due trafiletti: l’esclusione di Martinazzoli e Caparini dalla lista dei candidabili inviata a Milano dlla segreteria del carroccio camuno e la notizia della nomina a senatrice a vita di Liliana Segre. Anche Corriere Brescia apre con la politica locale: “Brescia avrà 17 parlamentari” con il Rosatellum spiega il Corriere, Brescia avrà tre parlamentari in meno. Polemiche anche sui collegi elettorali.
Eco di Bergamo si occupa del voto interpellando Nando Pagnoncelli, presidente Ipsos, che, guardando all’attuale situazione dichiara: “Italiani scontenti. Ingovernabilità grande rischio”.
L’aperura di Bresciaoggi riguarda invece la viabilità locale: “Il futuro dei trafori Sogno Valvestino Mortirolo in salita”.
Tutti i quotidiani bresciani si occupano della cronaca, con la condanna anche in appello all’ergastolo di Alessandro Musini, il 50enne di Castenedolo accusato di aver ucciso la moglie Anna Mura. Il delitto avvenne nel marzo 2015.

Matteo Salvini fa parlare di sé quest’oggi sui quotidiani, anche quelli locali: la campagna elettorale si fa accesa e lo scontro è aperto. Il leader del Carroccio ha promesso di abolire l’obbligo vaccinale se vincerà la Lega. Berlusconi e Forza Italia però non sarebbero d’accordo. “Il voto non è immune dai vaccini” il titolo ad effetto di Giornale di Brescia. “Salvini: vaccini, mai più l’obbligo” scrive Bresciaoggi precisando che Lega e Forza Italia sono già divise.
Corriere Brescia apre invece con le amministrative 2018 di Brescia. Anche in questo caso la campagna elettorale si apre e Forza Italia nomina la sfidante del centrodestra di Emilio del Bono: il consigliere comunale ed ex assessore Paola Vilardi. “Loggia, Gelmini sceglie Vilardi” è il titolo. La notizia viene messa in prima pagina anche da Giornale di Brescia: “Il centrodestra trova l’intesa: sarà Vilardi a sfidare Del Bono”. In caso di vittoria sarebbe il primo sindaco donna per Brescia.
la cronaca, con l’operazione della Guardia di Finanza in apertura su Bresciaoggi: “C’è la camorra dietro la truffa dei carburanti”. Sette ordinanze di custodia cautelare in carcere e due  misure riguardanti il divieto di amministrare imprese. Il provvedimento è stato preso nei confronti persone residenti in Lombardia e Campania. Il Gip ha ordinato il sequestro di beni per oltre 5,2 milioni di euro. Riprende la notizia anche il Corriere Brescia che titola: “Benzina in odore di camorra”.
Eco di Bergamo apre con un tragico fatto di cronaca “Scontro frontale in Uganda. Muore padre di tre bambini” si tratta di un ingegnere 37enne di Treviglio.
Appena sotto il punto sul picco di influenza “Influenza, ricoveri boom. Ora il picco”.

Giornale di Brescia e Corriere Brescia riportano in prima pagina i dati diffusi dall’anagrafe comunale per il 2017 e le statistiche della Loggia sulla popolazione della città. “Brescia città dei single attrae nuovi abitanti”. un aumento di 3.200 abitanti dal 2013 a oggi, ma con tanti single e famiglie monoparentali. “Brescia sempre più attrattiva 199mila abitanti” la fotonotizia in centro pagina su Corriere Brescia. Bresciaoggi non mette la notizia in primo piano ma la riprende nelle pagine interne. I giornali bresciani riprendono poi l’anniversario della battaglia di Nikolajewka “Gli alpini clebrano Nikolajewka, il reduce: eravamo tutti fratelli” titola nel taglio alto Corriere Brescia, pubblicando la fotografia del 95enne Primo Zambrelli di Vestone, il reduce intervistato da Costanzo Gatta. Nikolajewka in prima pagina anche su Brescioggi, che riporta il programma delle celebrazioni a Brescia, che avranno il momento più alto domani nella sfilata dei reduci in centro.
Per le elezioni politiche le liste sono da chiudere entro lunedì, sarà un caldo fine settimana per i partiti. Giornale di Brescia: “Candidature in chiusura, alta tensione nei poli”. Corriere Brescia apre con “Liste, caos Pd, malumori in FI” a rischio candidatura da una parte ci sarebbe Miriam Cominelli (Pd), dall’altra Viviana Beccalossi (FdI).
Giornale di Brescia ed Eco di Bergamo ieri erano tra i pendolari, per raccontare il giorno dopo il deragliamento del treno, le sensazioni dei pendolari e i disagi ancora in atto. “Dopo Pioltello. Pendolari, viaggio tra ansia e ritardi” titola GdB in centro pagina. “L’amaro sfogo dei pendolari: abbiamo paura, ora basta” è l’apertura di Eco di Bergamo. Il quotidiano bergamasco, nel giorno dell’apertura al pubblico, dedica ampio spazio alla mostra su Raffaello a Bergamo, all’accademia Carrara. “Raffello in mostra. Già 15mila in coda” il titolo nel taglio alto.

“L’allarme dell’Ue sul voto italiano” è il titolo di Giornale di Brescia in apertura, che si riferisce alle parole di Moscovici in merito alle elezioni del 4 marzo. Anche Bresciaoggi riprende la notizia con Antonio Troise che firma a tal proposito l’editoriale di oggi dal titolo “Se l’Ue attacca la Lega e i grillini”.
la politica anche sulla prima di Corriere Brescia, con i parlamentari bresciani che sono già sicuri di non ricandidarsi per il voto di marzo: Corsini, Mucchetti, Lacquaniti e Sberna.
L’apertura è invece dedicata all’ambiente e alla giustizia, con il titolo: “Stoccaggio di gas, sì del giudice” La questione riguarda un maxi deposito sotterraneo di metano nella Bassa.
La cronaca locale parla di due donne stroncate da due diversi incidenti stradali: una 42enne del mantovano che ha perso la vita ieri in un grosso incidente avvenuto a Montichiari e una mamma di 32anni che si era schiantata una settimana fa e che non è sopravvissuta alle ferite riportate. “Tir piomba sulle auto, muore 41enne” il titolo di Gdb, con , appena sotto, l’altra notizia: “Sette giorni dopo l’incidente è morta la mamma di Cigole”. Bresciaoggi titola “Strage senza fine” in centro pagina con una scena dei soccorsi di ieri lungo la Provinciale 236.
Le altre notizie da Brescia riguardano il calcio, con il ritorno di Boscaglia come allenatore raccontato da tutti e tre i quotidiani.
Eco di Bergamo mette in apertura la notizia dell’arrivo, il 24 maggio a Bergamo  dal 27 maggio a Sotto il Monte dell’urna con il corpo di San Giovanni XXIII.

“Occupati, record storico dal 1977”: è l’apertura del Giornale di Brescia che riporta i dati diffusi dall’Istat ieri. Appena sotto la fotonotizia che annuncia che finalmente Moreni è stato confermato dal ministero Commissario del sito Caffaro. Su Bresciaoggi una grande fotografia del sito Caffaro col titolo d’effetto “Caffaro, il miracolo delle firme”, ovvero il via libera di Padoan e Galletti al rinnovo dell’incarico a Moreni. Questo rinnovo permette di sbloccare al situazione. La Caffaro verrà bonificata.

La cronaca sulle prime pagine bresciane, con il ritrovamento, dopo giorni di ricerche, del cadavere di Pietro Giordani, scomparso il 22 dicembre. Era a 50 metri di profondità nel lago di Garda, così come la sua auto. Non si esclude che si sia trattato di un incidente stradale.

L’altra notizia ripresa da tutti i quotidiani bresciani è quella dell’incontro e dello scambio di doni tra il vescovo Tremolada e la comunità islamica di Brescia e provincia.

Eco di Bergamo apre con un’inchiesta sulle infrastrutture della bergamasca. Nel taglio alto la notizia dei 14 bergamaschi bloccati a Sestriere, dove sono caduti quasi tre metri di neve.

Ultime ore prima del termine ultimo - le 20 di oggi - per la presentazione delle liste dei candidati per Camera e Senato. "Politiche, candidature allo sprint" titola in apertura il Giornale di Brescia. in particolare la notizia più eclatante verrebbe da Pd bresciano, che ha schierato Marina Berlinghieri. Brescioggi titola: "Liste elettorali, le candidature presentate da otto partiti". Anche nel Pd bergamasco i malumori non mancano: "Liste Pd, maretta sulle scelte in Bergamasca" è infatti il titolo nel taglio alto.

La cronaca trova spazio in primo piano sui giornali bresciani, che devono dar notizia della morte, in un incidente stradale a Vobarno, di un bambino di 4 anni. "Muore a 4 anni nello schianto sull'auto di papà" scrive GdB nel taglio basso pubblicando la fotografia dell'auto "volata" contro il muro della galleria. il padre che guidava non sarebbe in periocolo di vita, grave invece la dnna che viaggiava con lui. Bresciaoggi sceglie il sensazionalismo e pubblica un grande e bellissimo primo piano del piccolo Dominik e titola "Schianto in galleria: muore a 4 anni".

La fotonotizia di GdB è invece dedicata alla sfilata per le vie del centro avvenuta ieri in occasione del 75esimo anniversario della battaglia di Noikolajewka. "L'abbraccio di diecimila alpini per il ricordo di Nikolajewka". Brescioggi ridimansiona e titola: "Cinquemila penne nere per Nikolajewka". Tanta la cronaca locale sulla prima di GdB, che oltre alla morte del bambino di 4 anni, parla della rapina di Idro, in cui il ladro avrebbe sparato in aria monacciando le proprietarie dlela gelateria, e del fatto avvenuto ad Angone, dove una donna doveva vivere segregata e sottostare alle regole del marito. I carabinieri l'hanno colto in flagrante mentre la picchiava.

Il Giornale di Brescia apre parlando della situazione delle scuole bresciane, la cui metà sarebbe a rischio in caso di sisma. A seguito del pugno duro imposto dalla Corte di Cassazione ad un istituto di Grosseto, la Provincia di Brescia si sta muovendo per evitare la chiusura degli edifici non a norma. Di scuola si parla anche nella pagina locale del Bresciaoggi, che spiega come a Darfo si stia pensando ad unire tutte le scuole in un unico istituto, con un unico dirigente.

La prima pagina del Bresciaoggi, invece, è dedicata ad un'intervista ad Emilio Del Bono, sindaco di Brescia, sui progetti futuro in caso di rielezione, mentre il Giornale di Brescia cita le dure parole di Attilio Fontana, candidato governatore della Lombardia del centrodestra, accusato di razzismo. Di elezioni bresciane si parla anche nell'inserto bresciano del Corriere della Sera, dove si spiegano le condizioni della Lega per allearsi con Forza Italia, ovvero avere il vicesindaco e due assessorati pesanti, come Ambiente e Sicurezza. All'interno del giornale si fa anche il punto della situazione in Vallecamonica, con i nomi più probabili alla candidatura in Regione.

Per la cronaca, a fondo pagina sul Giornale di Brescia viene raccontato un altro episodio di bullismo, avvenuto a Mazzano ai danni di un 17enne, preso di mira da due ragazzini di 11 e 13 anni. mentre sul Bresciaoggi si parla dell'operaio 58enne rimasto ustionato sul lavoro a Calvisano e sull'Eco di Bergamo della bambina di 14 mesi azzannata dal casa di casa, ora ricoverata.

Infine, per il calcio, si parla su Giornale di Brescia, Bresciaoggi e nell'inserto bresciano del Corriere della Sera del colpo di scena che ha visto il presidente del Brescia Cellino richiamare Boscaglia, esonerato qualche mese fa, al posto di Marino, che a sua volta l'aveva sostituito.

Tutti i giornali locali dedicano, chi più chi meno, spazio alla decisione di Roberto Maroni, presidente della Regione Lombardia, di lasciare la corsa per le prossime elezioni. Al suo posto, ci sarà Attilio Fontana, nome scelto dalla Lega che però non sembra convincere Forza Italia. Il Giornale di Brescia, poi, si occupa della ricerca commissionata dal Comune capoluogo a due professori universitari, che rivela come sia possibile abbandonare il termoutilizzatore a favore del teleriscaldamento e, così, rinunciare del tutto al carbone. Notizia, questa, che trova spazio principale sulla prima pagina del Bresciaoggi così come la foto principale nell'inserto bresciano del Corriere della Sera.

Per la cronaca, il Giornale di Brescia ci aggiorna sulla riapertura a breve della A21 dopo l'incidente della settimana scorsa, mentre il Bresciaoggi, a proposito di incidenti stradali, rivela in prima pagina che il numero di vittime nel 2017 è calato a 60. L'Eco di Bergamo, invece, riporta delle gravi condizioni di un artigiano di 45 anni di Seriate, caduto mentre stava ritingeggiando una parete a Costa di Mezzate. L'inserto bresciano del Corriere della Sera avvisa che, nonostante il boom di presenze in Pronto Soccorso, il picco influenzale deve ancora arrivare.

La cronaca locale, all'interno del Giornale di Brescia, rivela invece i numeri delle persone che hanno usato la 'stanza tutta per sé' nella Caserma dei Carabinieri di Breno, dove hanno trovato rifugio da episodi di stalking e di violenze domestiche, sempre frequenti anche in Vallecamonica, ma viene raccontato anche l'episodio con al centro un centauro 30enne che è rimasto ferito dopo essere incappato in una trappola posizionata su un percorso per enduristi a Rogno. Il Bresciaoggi, invece, riporta la notizia dell'incendio, non doloso, verificatosi nella chiesetta di Santa Maria del Mercato ad Iseo ieri pomeriggio.

Il Giornale di Brescia racconta anche delle temperature sopra la media stagionale di questo periodo, mentre l'Eco di Bergamo si sofferma sulla notizia della Tac fatta al coccodrillo del santuario di Ponte Nossa, per poterlo poi esporre ad una mostra. L'inserto bresciano del Corriere della Sera, infine, riporta i numeri dei dipendenti degli enti pubblici in città, molto bassi e che hanno delle conseguenze sui servizi svolti: numeri dovuti a quanto pare allo scarso appeal della città, che poco invoglierebbe a trasferirsi per lavoro.

Vai all'inizio della pagina