Valle dei Segni Mountain Cup, sabato la premiazione

Valle dei Segni Mountain Cup, sabato la premiazione

Soddisfazione, in Comunità Montana, per la seconda edizione della “Valle dei Segni Mountain Cup”, il circuito di corse in montagna che si sono tenute dal 25 maggio all’8 settembre scorsi.

Delle 18 gare che si sono tenute in questi mesi, sei sono state inserite nel circuito e considerate valevoli per la formazione della classifica a punti: la Darfo-Cervera Mountain Run, la Solstizio Trail, la Borno Monte Altissimo Sky Run, la San Fermo Trail e la VallecamonicaVertical 750 in condotta. In aumento gli iscritti alle gare, provenienti anche da fuori la Valle.

⭐PREMIAZIONI⭐Sabato 21 settembre alle ore 18:00 presso lo Stadio Comunale di Darfo si terranno le premiazione della…

Pubblicato da Valle dei Segni Mountain Cup su Lunedì 16 settembre 2019

“La corsa in montagna coniuga al meglio la vocazione turistica del territorio con la sostenibilità ambientale e lo sviluppo economico di aree meno frequentate dal turismo di massa come la nostra Valle”, ha detto Sandro Farisoglio, presidente della Comunità Montana, “l’impatto economico ed occupazionale del turismo sportivo deve crescere a beneficio delle imprese, dell’occupazione e di tutta la nostra economia”.

48 i vincitori della “Valle dei Segni Mountain Cup”: l’annuncio avverrà durante un’altra manifestazione sportiva, la Io21Zero97 che si correrà sabato e domenica a Darfo e Breno. L’appuntamento per conoscere i vincitori è alle ore 18:00 presso il Village allestito allo stadio comunale di Darfo.

L'”isola che non c’era” è pronta a salpare sul lago d’Iseo

L'”isola che non c’era” è pronta a salpare sul lago d’Iseo

L’”Isola che non c’era” ormai c’è e tra poco tutti potranno vederla sul lago d’Iseo. Salperà infatti da Lovere il 28 settembre la zattera frutto del progetto nato da un’idea di Jacopo Fo e messa in pratica dagli studenti del Liceo Decio Celeri di Lovere, grazie al contributo di Beretta Armi di Gardone Valtrompia, la 3F di Bossico e la Fratelli Bianchi di Zandobbio.

La zattera, ampia 24 metri quadrati e dal peso di quattro tonnellate, avrà un doppio obiettivo: da una parte, grazie all’impianto di fitodepurazione composto da alcune piante presenti su di essa ed ad un aspiratore messo in moto da dei pannelli solari, depurerà 200 litri di acqua del lago all’ora; dall’altra, servirà a diffondere una maggiore sensibilizzazione sul tema del rispetto dell’ambiente e sulla tecnologia verde tra gli studenti, grazie a delle lezioni che saranno tenute di volta in volta dai ragazzi ideatori del progetto.

L’”Isola che non c’era” resterà in ogni località toccata per due settimane, per un totale di 16 Comuni e 250 giorni di “tour”. Come detto, si inizia il 28 settembre da Lovere, dal 14 ottobre la zattera sarà a Costa Volpino, dal 30 ottobre a Pisogne, dal 15 novembre a Marone, dal 1° dicembre a Sale Marasino, dal 17 dicembre a Peschiera Maraglio di Monte Isola.

Nel 2020, dal 1° gennaio sarà a Sulzano, dal 18 gennaio ad Iseo, dal 3 febbraio a Clusane d’Iseo, dal 19 febbraio a Paratico, dal 6 marzo a Sarnico, dal 22 marzo a Predore, dal 7 aprile a Tavernola Bergamasca, dal 23 aprile a Siviano di Monte Isola, dal 9 maggio a Riva di Solto ed infine dal 25 maggio a Castro.

Le incisioni rupestri protagoniste di Ulisse su Raiuno

Le incisioni rupestri protagoniste di Ulisse su Raiuno

Le incisioni rupestri camune si regalano un’apparizione tv per i quarant’anni dal loro inserimento nella lista del Patrimonio Unesco.

La settimana prossima, infatti, a Capo di Ponte arriveranno regista ed operatori di “Ulisse-Il piacere della scoperta”, la popolare trasmissione di Raiuno la cui nuova edizione parte sabato sera.

La troupe effettuerà alcune riprese al parco delle incisioni di Naquane e non solo, per dare la migliore immagine di tutto il patrimonio archeologico della Vallecamonica. Nella trasferta in Valle non ci sarà il conduttore Alberto Angela, che sta lavorando per ultimare le riprese delle nuove puntate.

Si tratta, ad ogni modo, di una grande vetrina per celebrare quest’importante ricorrenza e promuovere i pitoti su tutto il territorio nazionale.

La festa per i 40 anni dall’inserimento nel Patrimonio Unesco vedrà il mese di ottobre protagonista: a Capo di Ponte, ogni fine settimana ci saranno degli eventi, come uno spiedo preistorico, la visita notturna al Parco di Seradina e Bedolina, una conferenza, il Simposio del Centro Camuno di Studi Preistorici (dal 25 al 27 ottobre) ed uno spettacolo di animazione.

Passo del Vivione, il versante bresciano chiuso da più di 320 giorni

Passo del Vivione, il versante bresciano chiuso da più di 320 giorni

Più di 320 giorni. Da tanto è chiuso il versante bresciano del Passo del Vivione, il valico che collega la Val di Scalve e la Vallecamonica.

Mentre il versante bergamasco è regolarmente aperto, quello gestito dalla Provincia di Brescia continua ad essere interdetto al traffico, sebbene in estate non siano mancati i ciclisti che hanno aggirati i cartelli di divieto di transito.

Le piogge dell’ottobre scorso prima ed un nuovo smottamento a giugno poi hanno complicato la situazione del valico, che ora rischia di non aprire fino al prossimo anno.

Una situazione che ha inevitabilmente avuto delle ricadute sull’economia della zona: i gestori del rifugio che si trova al Passo lamentano un drastico calo di presenze, che si riversa anche sul turismo di Schilpario, con gli operatori turistici intenti ad organizzare eventi tutto l’anno, ma senza poter contare sull’accessibilità che in passato forniva l’apertura del Passo.

A far aumentare l’amarezza il silenzio del Broletto, vago sulle date di riapertura della strada. Per Antonio Bazzani, consigliere provinciale delegato alle Strade, lo smottamento di giugno ha interessato un tratto di 200 metri, danneggiando un muro di contenimento ai piedi della carreggiata. I lavori sono in corso, ma rallentati da altre opere urgenti in Provincia ritenute prioritarie rispetto a quelle da effettuare sul Passo del Vivione.

La viabilità in Vallecamonica

La viabilità in Vallecamonica

LOVERE

Per garantire lo svolgimento del 9° Trofeo Penne Nere G.S.A Sovere – Coppa Italia di Ski Roll divieto di transito a tutti i veicoli nel tratto di strada compreso tra via G. Marconi 61 (in corrispondenza del ristorante Diciotto10) e l’area camper di Costa Volpino dalle 15:00 alle 16:00 ed interruzione temporanea della circolazione sempre da via G. Marconi 61 fino all’intersezione con via Bergamo dalle 15:45 circa fino alle 16:00 o comunque fino a fine corsa.

LOSINE

In occasione della festa patronale e di Scior del Torcol, il Comune istituisce il divieto di sosta nella Piazza del Municipio il 22, 28 e 29 settembre.

Per permettere i lavori di rifacimento della pavimentazione, il Comune impone dal 23 al 30 settembre il divieto di transito in via Tezze.

Per consentire i lavori di asfaltatura, il Comune impone il divieto di transito in via Prudenzini fino a fine opere.

APRICA

Dal 26 agosto al 27 settembre, dalle 21:00 alle 06:00 lungo la ss 39 chiusura di una sola corsia con senso unico regolato da semaforo nel tratto da Aprica a Corteno Golgi, ovvero dal km 13+960 al km 21+050.

SP 510 SEBINA

Fino al 30 settembre per lavori all’interno delle gallerie, dal lunedì al venerdì dalle ore 20:30 alle ore 5:30 chiusura in entrambi i sensi di marcia delle gallerie da Iseo fino a Vello.

CEVO

Al fine di consentire i lavori di riqualificazione e messa in sicurezza del versante in località Valzelli, la SP 84 Berzo Demo-Cevo fino al 17 ottobre rimarrà chiusa in entrambi i sensi di marcia dal km 6+500 al km 8+400 (dal bivio per località Loa fino all’ingresso al centro abitato di Cevo).

CETO

Per permettere lavori in prossimità del ponte sul torrente Figna, dal 16 settembre al 16 novembre chiusura al transito in entrambi i sensi di marcia del tratto della SPBS42 interessata dai lavori stessi. Il traffico è deviato su via Alberto Tarsi e via Donatori di Sangue.

Per consentire i lavori di realizzazione del nuovo ponte lungo definitivo, dal 10 settembre chiusura della strada per la Valpaghera dalla località “Ponti lunghi”. Transito consentito lungo la mulattiera Braone-Piazze.

MALEGNO

Per consentire la ristrutturazione di un edificio, fino alle 18:00 del 13 ottobre divieto di transito a tutti i veicoli in via S. Rocco, dal civico 6 fino in fondo alla via.

BRAONE

In seguito all’ordinanza di chiusura emessa dal Comune di Ceto della strada per la Valpaghera, il Comune di Braone, sulla strada agro-silvo-pastorale Braone-Piazze, regolamenta a senso unico alternato con fasce orarie il transito agli autoveicoli (aventi peso non superiore a ql. 20, con una larghezza massima di mt. 1,60, lunghezza mt. 4,00 e altezza mt. 2,40). Per i veicoli in salita: dalle 06:00 alle 08:30, dalle 13:00 alle 16:00 e dalle 20:00 alle 21:00; per i veicoli in discesa: dalle 09:00 alle 12:30, dalle 16:30 alle 19:30 e dalle 21:30 alle 22:00. Divieto di transito a tutti gli autoveicoli dalle 22:00 alle 6:00.

CORNA DI DARFO

Il Comune, a causa di uno smottamento, ordina il senso unico alternato regolato da semaforo ed il divieto di sosta con rimozione forzata per tutti i veicoli, di via Nazionale, all’altezza del civico 50, fino al termine dei lavori di messa in sicurezza della parete rocciosa.

CERVENO

Il Comune impone, fino a revoca ordinanza, il divieto di transito delle strade ciclabili alta, media (via per Cemmo) e bassa nei tratti di attraversamento del torrente Blè e luoghi limitrofi all’alveo per rischio di dissesto idrogeologico.

ZONE

A causa dei danni provocati dal maltempo, il Comune impone fino a revoca dell’ordinanza la chiusura del tratto di strada dalla località Malpensata fino al Monte Guglielmo (seconda malga del Guglielmo e malga Palmarusso di sopra).