E’ finalizzata alla documentazione delle rocce istoriate della media Vallecamonica l’annuale campagna di rilevamento messa a punto dal Centro Camuno di Studi Preistorici.

Dal 17 luglio al 3 agosto i lavori, che hanno ottenuto la concessione della Soprintendenza, si concentreranno a Foppe di Nadro, nella Riserva naturale delle incisioni rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo.

Si continua quindi a studiare l’area, oggetto ancora oggi di istoriazioni che riservano non poche sorprese agli archeologi: sulle rocce sono state trovate incisioni che vanno dal V millennio a. C. fino all’alto Medioevo, con figurazioni anche dell’età del bronzo ed i leggendari guerrieri riferibili alla fase di influenza etrusca nella media Età del Ferro.

Ai lavori, guidati da Paolo Medici, Silvana Gavaldo e Cristina Galstaldi, archeologi del Centro Camuno, si affiancheranno alcuni incontri, in lingua inglese ed aperti a tutti, sull’arte rupestre in Vallecamonica e nel mondo, che si terranno tutti (ad eccezione di quello del 26 luglio, alla Casa Museo di Cerveno) presso il Museo della Riserva: il primo è previsto già per questa sera, alle ore 20:30, su “The Vallecamonica rock art”.

Share This