L’addio agli sci di Elena e Nadia Fanchini, annunciato mercoledì scorso, non ha lasciato indifferente il mondo dello sport italiano. Numerose le testimonianze di affetto giunte alle due sorelle di Montecampione da parte di dirigenti e compagne di gara, a testimoniare la stima di cui le Fanchini hanno goduto sia durante la loro carriera agonistica che a livello umano.

A cominciare dalla lettera scritta da Giovanni Malagò, presidente del Coni, che definisce Elena e Nadia Fanchini “un vanto ed un orgoglio per lo sport italiano”. “Due donne”, scrive Malagò, “che hanno saputo dimostrare di saper combattere in pista e fuori. Sono certo che come grazie al loro carattere ed alla loro determinazione hanno contribuito ad impreziosire la bacheca dello sport italiano, da domani combatteranno con la stessa grinta per le nuove sfide che dovranno affrontare nella vita”.

Da Flavio Roda, presidente della Federsci, il ringraziamento “alla famiglia Fanchini per quanto è riuscita a trasmetterci in questi anni”. Come detto, anche le atlete che in questi anni si sono confrontate con Elena e Nadia hanno commentato la loro decisione.

Sofia Goggia, ad esempio, rimpiange il fatto che l’addio non sia potuto avvenire con un’ultima gara, ma sottolinea anche quanto dalle due sorelle si possa “imparare tanto: il rispetto ed il carattere mostrato anche quando la vita sportiva ha loro voltato le spalle”.

“Mai un’invidia, nessuna malizia”, dice invece Daniela Merighetti, che ricorda come nei momenti difficili sia “uscito il nostro legame di bresciane vere”. Numerose altre le dichiarazioni rilasciate dalle sportive italiane e non che hanno voluto omaggiare così le due sorelle Fanchini.

Share This