Quando potremo riprendere a circolare ed a passare con più frequenza sulla Statale 42, nei pressi di Esine, il colpo d’occhio sarà ancora più evidente. Gli storici capannoni blu della Franzoni Filati, infatti, in queste settimane sono stati demoliti, lasciando così vedere a chi transita un paesaggio del tutto inedito.

La famiglia Franzoni aveva ottenuto dal Comune di Esine l’approvazione del piano di attuazione e di riqualificazione dell’area, che non cambia destinazione e sarà sempre ad uso artigianale ed industriale. L’area di quasi 50mila metri quadri, però, cambierà proprietario e sarà suddivisa in due parti: una ha già trovato un destinatario, ovvero un’azienda camuna.

Demoliti i capannoni, le opere di riqualificazione proseguono con alcuni interventi compensativi voluti dal Comune, come la realizzazione di una schermatura per mitigare l’impatto ambientale, di barriere fonoassorbenti, di una pista ciclabile e di una rotonda che permetta l’accesso all’azienda direttamente dalla Statale 42 e non dal centro del paese.

[Foto da Bresciaoggi]

Share This