L’isolamento forzato ha acuito i rapporti tra una madre 53enne ed il figlio 28enne, residenti a Darfo Boario Terme, già tesi da tempo. Il giovane, con problemi di tossicodipendenza e che non svolge alcun lavoro, era già solito da due anni aggredire la madre, minacciarla e danneggiare casa se questa non gli avesse dato i soldi necessari per comprare la droga.

La convivenza forzata di queste settimane ha peggiorato le cose, ma la donna, durante le feste pasquali, ha trovato il coraggio di recarsi dai Carabinieri e denunciare le aggressioni. I militari, dopo aver effettuato i dovuti accertamenti, hanno chiesto ed ottenuto un’ordinanza di custodia cautelare in cercare nei confronti del giovane, che è stato così portato a Brescia.

Share This