E’ bastato fargli notare che non indossavano la mascherina per scatenare la loro furia. Protagonisti di quanto accaduto domenica pomeriggio ad Edolo due fratelli di origine marocchina e residenti a Berzo Demo. Stando ad una ricostruzione, i due -ubriachi- erano entranti in un bar senza indossare la mascherina.

Dopo che un cliente, padre di un bambino di tre anni anche lui presente, ha fatto notare loro la cosa, i due fratelli sono usciti, scatenando una lite ed iniziando ad inveire ed a lanciare sedie e tavolini contro la vetrina del locale. Proprietario e clienti, impauriti, si sono chiusi a chiave all’interno del bar ed hanno chiamato i carabinieri.

Sul posto sono così giunte tre pattuglie: gli agenti sono stati insultati e spintonati dai due fratelli, che pretendevano di tornare a casa. Per loro è scattato l’arresto, con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale e danni arrecati al bar. Dopo aver trascorso la notte nella camera di sicurezza della caserma di Breno, sono stati quindi accompagnat davanti al Giudice del Tribunale di Brescia.

Share This