Si terrà a Breno al Museo Camuno sabato 4 giugno alle ore 16.00 la presentazione della pubblicazione “Storia, arte e archeologia in Valcamonica”, curata da Federico Troletti, direttore del CaMus.

Si tratta di un volume dedicato a don Romolo Putelli, come spiega l’autore: “Pioniere degli studi camuni e della tutela del patrimonio artistico e documentario, a don Putelli va il merito di aver salvato e conservato reperti archeologici, oggetti d’arte ed etnografici, fondi documentari e librari che oggi costituiscono il CaMus di Breno, la prima istituzione museale fondata in Valcamonica”.

Il volume raccoglie i contributi di diversi studiosi, afferenti a varie discipline, con l’intento di offrire un aggiornamento alla ricerca sul territorio, determinante nella salvaguardia, nella divulgazione e nella valorizzazione dei beni archeologici, artistici, storici e etnoantropologici locali. L’area di indagine comprende il Sebino, con le sponde bresciana e bergamasca, la Franciacorta e, appunto, la Valcamonica.

Gli studi, perlopiù inediti, offrono novità negli ambiti della storia economico-sociale, oplologia, letteratura, storia dell’arte, archeologia di epoca storica, etnoantropologia, architettura e archivistica. Le ricerche sono promosse da varie istituzioni rappresentative del territorio indagato con lo scopo di divulgare e stimolare nuovi percorsi di studio.

In prima fila nella pubblicazione e promozione del lavoro c’è il Centro Camuno di Studi Preistorici, con il Camus, il Comune di Breno, la Fondazione Camunitas, l’Università Cattolica di Brescia, la Fondazione Comunità Bresciana, le associazioni Ad Metalla e Le Orme dell’Uomo e l’Uspaaa Iseo.

Dopo la presentazione del libro, che si inserisce nel ciclo “Una primavera di libri al Museo Camuno” ed è aperta a tutti, è prevista la visita guidata alle sale museali.

Share This