(Nella foto un’opera di Patarini lungo il Percorso della Memoria di Paspardo)

Al via sabato 6 marzo “Siamo ancora vivi!”, rassegna d’arte, musica e spettacolo con 250 opere, 50 artisti da tutta Italia, 15 mostre e vari eventi teatral-musicali. La rassegna è un’ideale prosecuzione del progetto “Set Amò If?”, che si è svolto in Valcamonica dal 15 agosto al 30 settembre 2020.

Diverse le location che ospiteranno la mostra diffusa: alla Vi.P. Gallery Valcamonica di Niardo, al museo Camus di Breno, al museo di Nadro, alla Casa museo di Cerveno, alla Cittàdella Cultura di Capo di Ponte, lungo il Percorso della Memoria e alla panchina gigante di Paspardo, al ponte romano di Incudine, all’Upupa di Breno, alle cantine Monchieri di Losine, al Caffè del Corso di Cividate, all’osteria Concarena di Cerveno, al centro medico San Giorgio di Ceto e di Edolo, a La pizza dello Zio Sem di Darfo Boario Terme.

Il progetto espositivo è articolato in cinque sezioni tematiche: arcaico contemporaneo, classico contemporaneo, figurazione informe, astrazione tra ragione e sentimento e oltre la fotografia. Nel dettaglio:

Arcaico contemporaneo, con opere di Simone Boscolo, Valentina Carrera, Fabio Cuman, Rinaldo Degradi, Fausta Dossi, Carlo Fontanella, Lisa Gosio, Giuseppe Orsenigo, Virgilio Patarini, Luigi Profeta, Marta Vezzoli.

Classico contemporaneo. Opere di Pier Giorgio Ballerani, Max Gasparini, Luisa Ghezzi, Laura Longhitano Ruffilli, Luigina Luzii, Edoardo Stramacchia.

Figurazione informe, con opere di Simone Azzurrini, Andrea Boldrini, Alessandra Cantamessa, Gaetano Ciao, Carlo Ambrogio Crespi, Giovanni Drogo, Daniela Doni, Paolo Lo Giudice, Fiorella Manzini, Franco Maruotti, Angelita Mattioli, Chiara Mazzotti, Alessandra Sanvito, Ivo Stazio.

Astrazione / Tra ragione e sentimento, con opere di Stefano Accorsi, Salvatore Alessi, Alberto Besson, Walter Bernardi, Pierluigi Cattaneo, Gaetano Fiore, Paola Gamba, Giuseppe Giacobino, Walter Magni, Ezio Mazzella, Michel Patrin, Daniele Piemontese, Maria Luisa Ritorno.

Oltre la fotografia, con opere di Ivano Boselli, Pier Giorgio Capitanio, Vito Carta, Francesco Epis, Graziano Filippini, Marco Lombardo, Francesco Tadini.

Il programma prevede anche alcuni eventi, tutti a ingresso libero e rispettando le modalità di fruizione covid 19. Con la zona rossa tutte le mostre saranno ovviamente chiuse e riaperte al cambio di colore; con la zona arancione saranno aperte quelle nelle due gallerie (Vi.P. Gallery e Cittàdella Cultura), negli studi medici e negli spazi all’aperto; con zona gialla o bianca saranno tutte fruibili.

Oltre all’Opening, con proiezione video degli allestimenti, sabato 6 marzo alle 17:00 alla Vi.P. Gallery di Niardo, sono già in calendario: “Dreamunia” (jam session di percussioni) e concerto dei FolKlan (a cura del Gruppo Ptha) domenica 21 marzo dalle 16:00 alla panchina gigante di Paspardo; “Prodigus”, testo e regia di Sergio Scorzillo, con Luigi Vitale e Salvatore Auricchio, alle cantine Monchieri di Losine domenica 2 maggio alle 18; “Il prigioniero”, testo e regia di Virgilio Patarini, con Sergio Scorzillo, al castello di Cimbergo domenica 23 maggio alle 16. Altri eventi sono in corso di definizione e si svolgeranno all’Upupa di Breno.

“Siamo ancora vivi!” rappresenta un forte e provocatorio segnale di presenza, di ripresa e di rinascita dopo i mesi di chiusura forzata, di riaperture parziali e a singhiozzo e le difficoltà e i timori tuttora persistenti per la pandemia.

Share This