Il premio Impronta Camuna 2021 è andato alla memoria del notaio Giuseppe Camadini, scomparso nel 2012, figura di primo piano della vita culturale, associativa e spirituale della Vallecamonica e dell’intera provincia dell’ultimo mezzo secolo.

Il riconoscimento è stato conferito ieri nell’auditorium del Centro congressi Mirella di Ponte di Legno dal presidente di Impronta Camuna Roberto Bontempi, che ne ha letto la motivazione: “È stato uomo di profonda fede e di grande spiritualità, oltre che instancabile promotore di innumerevoli iniziative culturali, educative formative, editoriali ed economiche”. Bontempi ha poi ricordato la sua instancabile attività con cui ha favorito la crescita e lo sviluppo economico di Brescia e della Vallecamonica.

A ritirare il premio – “Il cavaliere delle ere”, una scultura in bronzo raffigurante un’interpretazione artistica dell’arte rupestre di Marco Bontempi – c’erano alcuni familiari del notaio, come il nipote Pierpaolo Camadini, che l’ha succeduto in numerosi ambiti istituzionali. Ricevendo il premio alla memoria dello zio Giuseppe, Pierpaolo Camadini ha ringraziato per l’iniziativa di Impronta Camuna, resa ancora più significativa dal fatto che è nata in modo del tutto spontaneo e quasi naturale.

Share This