Già nel luglio scorso, con l’alluvione che ha fatto ingenti danni a Niardo e Braone, il Palazzo della Cultura di Breno fu allagato al piano terra dall’acqua. Una situazione che si è ripetuta tra sabato e domenica scorsi: intorno alle ore 07:00, una passante ha notato dell’acqua fuoriuscire dall’ex Palazzo Federici verso via Garibaldi ed ha subito lanciato l’allarme.

Sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco volontari di Breno, i carabinieri e la Protezione Civile, seguiti da Alessandro Panteghini, sindaco di Breno, e da Carlo Ducoli, direttore del Sistema Bibliotecario. E’ bastato poco per rendersi conto che il pian terreno dell’edificio è stato invaso dall’acqua a causa della rottura di un tubo sotto il pavimento della sala riunioni.

Tutte le stanze sono rimaste allagate, ad eccezione dell’ufficio del direttore: fortunatamente, nessun libro o reperto è stato danneggiato, dal momento che la Biblioteca ed il Museo Camuno CaMus sono ospitati sì nel Palazzo, ma ai piani superiori. L’intervento di un idraulico ha prontamente fermato la fuoriuscita, mentre pompieri e volontari della Protezione Civile hanno provveduto a rimuovere l’acqua dalle stanze: per far asciugare il tutto, però, servirà qualche giorno.

[Foto da Bresciaoggi]

Share This