Non piove da tempo e il livello del Sebino è basso, al di sotto delle medie stagionali. Secondo i dati riportati dal Consorzio dell’Oglio, l’ente che regola il livello del lago, il riempimento è pari al 40%.

Le precipitazioni di marzo e di febbraio sono state scarse e le riserve di neve non sono sufficienti per affrontare la prossima stagione irrigua.

Questa primavera siccitosa può provocare una stagione irrigua anticipata per le utenze agricole: ovvero ben prima di luglio. La settimana che è alle porte potrebbe portare qualche rovescio, che però non cambierà di molto l’attuale situazione.

Intanto il Gruppo soccorso del Sebino ha girato, grazie all’esplorazione di un robot di profondità, un video in cui si evidenziano, a causa delle scarse piogge, chiazze di ossido a cinquanta metri di profondità.

Share This