C’è una sostanziale parità tra nuovi contagiati e nuovi guariti nel bollettino relativo alla giornata di martedì diramato come sempre dall’Ats della Montagna per il territorio della Vallecamonica. Sono infatti 56 i nuovi casi di Covid-19 rilevati in terra camuna; 55, invece, le persone che dall’infezione sono guarite.

Sale così a 5.544 il numero di persone contagiate dall’inizio dell’emergenza sanitaria; 267, invece, le vittime. Come prevedibile, la Provincia di Brescia ha registrato invece un nuovo incremento di casi: dopo i 485 di lunedì, infatti, martedì i nuovi contagiati sono stati 729, confermando il Bresciano come la seconda provincia più colpita dal virus dopo quella di Milano.

Alla luce di questi dati, martedì Samuele Alghisi, presidente della Provincia, ha chiesto ad Attilio Fontana, Governatore della Lombardia, di potenziare la campagna vaccinale sul territorio bresciano. L’auspicio di Alghisi è che a Brescia e provincia sia presto istituita una zona rossa, considerando che il numero di positivi su centomila abitanti è vicino a seicento e, contestualmente, siano aumentate le dosi di vaccino somministrate ai bresciani.

Il Presidente ha anche chiesto a Fontana di migliorare l’assegnazione della sede di somministrazione del vaccino, favorendone il più possibile la prossimità al Comune di residenza, semplificando così le operazioni di spostamento soprattutto per le persone anziane e per i diversamente abili. Il tutto, confermando la disponibilità di tutti i sindaci bresciani nella gestione della campagna di vaccinazione.

Share This