Giuseppe Antonini, corridore di Cimbergo, già campione mondiale Master di corsa in montagna e runner di spicco dell’Atletica Paratico, aveva un unico obiettivo: deporre un mazzo di fiori nel luogo dove morì tragicamente il cognato Fabrizio.

È stato possibile durante la Sky Race Cimbergo, corsa in solitaria dal primo mattino di domenica, per dieci ore, dal paese ai 1450 metri del rifugio De Marie al Volano.

Il giro delle creste gli ha fatto raggiungere i 2435 metri del Pizzo Badile, scendere ai 2332 del Passo di Mezza Malga, risalire ai 2590 del bivacco del Cai Macherio e ancora di più ai 2897 del Monte Frisozzo, da dove si è calato, opportunamente seguito e assistito per i passaggi in quota dai volontari del paese e del Soccorso Alpino, fino al luogo in cui Fabrizio perse la vita.

Giusi ha poi ripreso il suo giro delle creste fino ai 2419 metri del Passo della Porta, per concludere in Volano accolto da parenti e amici.

Share This