C’è voluto un anno, ma alla fine la pista illuminata più lunga d’Europa è finalmente diventata accessibile a tutti. Sabato sera, con una grande festa, è stata inaugurata la “Superpanoramica Baradello” di San Pietro di Corteno Golgi.

Un progetto che ha visto unire le forze dei Comuni di Corteno Golgi e di Aprica per proporre agli appassionati l’esperienza di sciare in notturna su una pista di quasi sei chilometri, illuminata con 122 fari a led, che sabato sera sono stati accesi dopo un atteso countdown.

La pista parte dai 1.980 metri di quota della Piana dei Galli ed arriva fino ai 1.160 metri dell’abitato: tutto era già pronto l’anno scorso, ma la pandemia e le restrizioni hanno impedito di aprirla al pubblico. Per questo, sabato la festa è stata ancora più sentita: oltre ad Ilario Sabbadini, sindaco di Corteno Golgi (ma presente anche in quanto assessore della Comunità Montana) e Dario Corvi, primo cittadino di Aprica, c’erano anche Antonio Rossi, sottosegretario regionale con delega allo Sport; Massimo Sertori, assessore regionale agli Enti Locali, Montagna e Piccoli Comuni e Marco Delbono, amministratore delegato di Baradello2000.

La pista illuminata ha avuto un costo di un milione e 200mila euro: la società ha stretto un accordo con Eni per il rimborso in dieci anni. La pista, per ora, è aperta solo il giovedì e sabato sera dalle ore 19:30 alle 23:00, fino al 26 marzo. E’ probabile però che, se l’affluenza sarà buona, l’offerta sarà ampliata.

Share This