Nuovo arresto per spaccio di droga eseguito in Vallecamonica dai carabinieri della Stazione di Breno.

A finire nella rete dei controlli dei militari, intensificati in questa seconda fase di restrizioni, è un pregiudicato 39enne, residente a Cividate Camuno, una vecchia conoscenza per le forze dell’ordine, che già a inizio 2020 l’avevano arrestato per la detenzione di sostanze stupefacenti.

Nella serata di giovedì i carabinieri, hanno notato in centro storico un soggetto che dopo aver prelevato dei soldi al bancomat si è incontrato con il pusher al quale ha consegnato il denaro in cambio della vendita di tre dosi di cocaina. Colti sul fatto, entrambi sono stati bloccati.

L’acquirente è risultato essere un operaio camuno 40enne, anche lui già conosciuto dai carabinieri. Si tratta infatti dello stesso uomo che in dieci anni aveva acquistato cocaina per un controvalore che si aggirava sui 140mila euro da uno spacciatore arabo conosciuto come Marzuk, arrestato a ottobre dai militari della Compagnia di Breno.

Il 39enne di Cividate è stato arrestato per spaccio e, al termine dell’udienza di convalida, è stato ristretto ai domiciliari. L’acquirente è stato invece segnalato alla Prefettura di Brescia per uso personale.

Share This