Ad Artogne si è finalmente deciso di rimuovere il vecchio depuratore, realizzato negli anni Ottanta per servire gli abitanti della frazione di Piazze nella località Marochello. Un impianto che, nel corso degli anni, ha sempre però preoccupato per l’instabilità geologica dell’area in cui si trova, ovvero la sponda destra orografica del torrente Re, poco a monte del torrente Corazzino.

Un’area che già passato creò qualche problema: nel 1992 alcune famiglie residenti in località Marochello furono ad esempio costrette ad evacuare le loro abitazioni. Il depuratore, invece, fu dismesso nei primi anni Duemila, iniziando a preoccupare per la sua presenza in una zona che, in caso di forti precipitazione, potrebbe essere soggetta a nuove frane e trascinarselo dietro fino al torrente Re. Una situazione che sarà risolta a breve: il Comune ha infatti affidato l’appalto per i lavori di demolizione e regimazione delle acque meteoriche, dal costo di 140mila euro a carico della Regione.

Share This