“Coinvolgere i Caregiver Familiari nella Promozione dell’Invecchiamento Attivo e Positivo del Cittadino Anziano”. Questo il titolo del progetto triennale Place4Carers, finanziato dalla Fondazione Cariplo e coordinata dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano in collaborazione con l’Azienda Territoriale per i Servizi alla persona di Valcamonica, il Politecnico di Milano e la Fondazione Needche.

Giunto alla conclusione, i suoi promotori nei giorni scorsi a Breno hanno tirato le somme in un convegno di restituzione al pubblico dei risultati raggiunti e di definizione delle prospettive future. Proprio la Vallecamonica 3 anni fa venne individuata quale caso studio pilota del progetto, con l’obiettivo di sviluppare un piano di azioni volte al sostegno dei “caregiver” familiari che assistono persone anziane residenti in aree rurali, spesso svantaggiate dal punto di vista dell’accesso ai servizi per la salute. Infatti, l’equilibrio che mantiene l’unitarietà sociale delle comunità dei piccoli borghi montani è molto delicato: un’azione mirata al miglioramento delle condizioni di invecchiamento attivo e di benessere degli anziani e dei loro assistenti familiari operata nei luoghi di origine, depositari di memorie di una vita intera, rappresenta un elemento chiave della qualità della vita delle piccole comunità.

Il lavoro ha portato a risultati valutati molto positivamente dall’intero gruppo di ricerca che ha potuto sperimentare un servizio pilota di assistenza, educazione e supporto – SOS Caregiver – per il sostegno delle funzioni assistenziali ed il coinvolgimento attivo nella relazione con i parenti per e con i caregivers familiari del territorio.

Il servizio Sos Cargiver ha coinvolto 147 persone che si prendono cura di un loro congiunto malato che beneficia di un servizio domiciliare in Rsa o attraverso l’Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona. Sono stati organizzati incontri individuali e seminari mirati a soddisfare i loro bisogni: il test ha coinvolto Case di riposo, l’Asst, l’Ats Montagna, la Comunità Montana, Sol.Co Camunia, Cooperativa Arcobaleno ed il Need Institute.

Share This