È entrata in vigore oggi una nuova ordinanza della Regione Lombardia che apre alle attività sportive individuali all’aria aperta, anche all’interno di centri e circoli sportivi.

Si tratta, come si legge nel testo diffuso giovedì sera dal Pirellone, ad esempio, di sport come: golf, tiro con l’arco, tiro a segno, atletica, equitazione, vela, canoa, attività sportive acquatiche individuali, canottaggio, tennis, corsa, escursionismo, arrampicata sportiva, ciclismo, mountain bike, automobilismo, motociclismo, go-kart…Tali discipline possono essere consentite nell’ambito dei rispettivi impianti sportivi, centri e siti sportivi.

Le precauzioni da adottare per gli atleti sono: l’utilizzo della mascherina prima e dopo l’attività, sempre e comunque da svolgere a distanza ed evitando assembramenti.

Da parte loro i gestori degli impianti sono chiamati ad interdire l’utilizzo di spazi chiusi e servizi accessori come palestre, club house, bar e ristoranti e soprattutto gli spogliatoi. Si lascerà l’accesso ai servizi igienici, che però andranno correttamente e costantemente sanificati al pari degli ambienti chiusi necessari per gli accessi. I gestori dovranno altresì assicurare il contingentamento degli ingressi, magari attraverso prenotazioni, e organizzare percorsi utili al fine del distanziamento sociale obbligatorio. In tanti casi, dopo l’ok della Regione, servirà il via libera dei singoli sindaci affinché l’ordinanza trovi attuazione negli impianti comunali.

Share This