Otto persone iscritte nel registro degli indagati.

Oggetto dell’inchiesta le battute di contenimento del cinghiale selvatico, effettuate anche in Vallecamonica.

Il sostituto procuratore Ambrogio Cassiani ha iscritto nel registro degli indagati con l’accusa, a vario titolo, di aver compromesso la biodiversità della fauna, di peculato ma anche di uccisione ingiustificata di animali: il presidente della Provincia Pierluigi Mottinelli; Giulio Del Monte, dirigente dell’ufficio territoriale regionale di Brescia della struttura che si dedica anche alla caccia; i predecessori di quest’ultimo Alberto Cigliano e Raffaele Gareri; il comandante della Polizia provinciale Carlo Caromani e i suoi ufficiali Gianluca Cominini e Dario Saleri, ma anche Oscar Lombardi, presidente dell’ambito territoriale di caccia di Brescia.

Il pm contesta anche il peculato, perché attraverso più di 120 interventi compiuti in due anni in violazione delle norme, uccidendo 254 cinghiali ingiustificatamente, gli indagati si sarebbero appropriati illecitamente di beni indisponibili del demanio faunistico. L’accusa contesta inoltre, ai soli Cominini, Mottinelli e Lombardi, anche la macellazione abusiva di almeno 156 esemplari.

Al comandante della Polizia provinciale Caromani viene contestata invece la rivelazione di segreto inerente a procedimento penale per aver rivelato via email alcuni indagati e altri amministratori l’esistenza del fascicolo.

La procura contesta i modi con i quali sono stati condotti gli abbattimenti, la pratica di regalare ai cacciatori, a titolo di indennizzo per un’attività che non potevano compiere, i capi abbattuti – ma anche l’immissione sul mercato, oltre che in sagre, mense, macellerie e associazioni sportive e venatorie – di carni che non sono state macellate nel rispetto delle procedure e dei controlli sanitari e quindi prive di requisiti di sicurezza e di igiene.

Il pm ha chiesto al gip Cesare Bonamartini l’applicazione della misura cautelare della sospensione del servizio per un anno per tutti gli indagati, eccezion fatta per il presidente della Provincia Mottinelli e per Oscar Lombardi.

Share This