Ci sono sviluppi su quanto accaduto martedì pomeriggio a Berzo Inferiore, quando alcune persone della zona si sono accorte che l’acqua, i sassi, l’erba e la vegetazione ai lati del torrente Grigna erano completamente neri.

Dalle indagini, come precisa il Comune di Berzo Inferiore, pare che il liquido sversato nel Grigna non sarebbe olio, come pensato in un primo momento, ma polvere di acciaio diluita in acqua.

Martedì i cittadini hanno allertato i Carabinieri forestali. Sul posto, oltre a loro, anche i Vigili del Fuoco di Darfo e Ruggero Bontempi, sindaco del paese.

Nei prossimi giorni interverrà una ditta specializzata per la rimozione del materiale oleoso e ferroso depositato sul fondo del torrente.

Fino alla conclusione delle indagini effettuate da ARPA sui campioni prelevati, fa sapere inoltre il Comune guidato da Bontempi, è stata sospesa l’ordinanza sindacale che ordinava a Terzo Salto l’aumento dei rilasci d’acqua dai due spillamenti, questo per evitare il rischio di trasportare a valle una sostanza che non è ancora chiaro, per ora, se pericolosa o meno.

Share This