Una persona residente a Pontedilegno è finita nel mirino di un’operazione antibracconaggio condotta nel fine settimana scorso dal Corpo Forestale trentino, dopo alcuni controlli programmati per contrastare i furti di nidi.

Il bracconiere è stato colto in flagrante dagli uomini del Corpo Forestale di Ossana: aiutato da un complice, stava raccogliendo un nido di cesena (appartenente alla famiglia dei tordi) che aveva fatto cadere da un larice.

Insieme ai carabinieri forestali di Pontedilegno, inoltre, sono state perlustrate le sue proprietà, portando al sequestro penale di armi e munizioni modificate e non denunciate, così come al sequestro amministrativo di tagliole, retine, archetti ed un richiamo per la cattura di uccelli detenuti illegalmente. Le due persone fermate sono state così denunciate alla Procura di Trento, mentre colui che ha raccolto il nido è stato denunciato anche presso la Procura di Brescia per violazioni in materia di armi.

Share This