Il calcio bresciano deve ancora tornare a giocare (e la pandemia, come sappiamo, ci si è messa in mezzo causando qualche slittamento), ma è già in campo per quanto riguarda un’altra gara, quella di solidarietà. L’appello è arrivato dal Breno, che ha deciso di chiedere l’aiuto di tutti, tifosi ma anche delle altre squadre, nel raccogliere fondi a favore di Brian Woydjla, fratello 16enne di Dylan, terzino destro granata con all’attivo, in questa stagione, dieci presenze.

Brian vive in Messico con la famiglia: dal 2018 sta lottando contro un Medulloblastoma, tumore maligno del sistema nervoso centrale che gli ha già comportato la perdita di udito dall’orecchio destro, la paralisi facciale dallo stesso lato e problemi di equilibrio. A fine novembre è stato sottoposto ad un intervento, ma non è stato sufficiente.

Il giovane dovrebbe essere sottoposto ad una terapia protonica, un trattamento di precisione che evita di colpire i tessuti sani: un intervento possibile in Spagna e dai costi molto elevati, che la famiglia non può permettersi da sola.

Ecco che, allora, è stata lanciata una raccolta fondi tramite il sito gofundme.com, con l’obiettivo di raggiungere la somma di 300mila euro, per portare Brian in Spagna e sottoporlo alla terapia. Ad oggi sono stati raccolti oltre 64mila euro, ma non bastano.

Il Breno, dopo una raccolta fondi interna, ha deciso così di rilanciare, condividendo la richiesta di aiuto sui propri social. In poche ore, la notizia si sta diffondendo e, con essa, si spera che aumentino anche le donazioni non solo dal calcio camuno ma anche da quello di tutta la Provincia.

Share This