Si chiama Birkir Bjarnason il secondo acquisto della sessione invernale di calciomercato del Brescia.

Centrocampista 31enne, il calciatore non ha mai giocato in patria se non per la Nazionale, girando piuttosto per le squadre di sei Paesi, fino ad arrivare in Italia, dove ha militato nel Pescara e nella Sampdoria.

Nonostante le pratiche burocratiche siano state tutte eseguite, però, la presentazione ufficiale, venerdì, non è arrivata: una decisione presa da Massimo Cellino, presidente del Brescia, che ha voluto posticiparla a dopo venerdì 17, essendo molto scaramantico.

Tra le rondinelle, Bjarnason ha potuto riabbracciare Daniele Gastaldello, capitano del Brescia con cui aveva già giocato sette anni fa nella Sampdoria: la giornata di venerdì lo ha visto quindi spettatore, in attesa di iniziare ad allenarsi e di scendere in campo.

Continua intanto il lavoro di Eugenio Corini in vista della partita di domenica pomeriggio contro il Cagliari, valida come prima giornata del girone di ritorno: insolita la scelta del designatore arbitrale di assegnare la gara ad un sardo, Antonio Giuia, sebbene il criterio territoriale secondo cui l’arbitro deve essere originario di una località che disti più di 100 km dalle sedi delle due squadre sia stato rispettato.

Share This