La notizia dello stop ufficiale a tutti i campionati dilettantistici è di qualche giorno fa. In attesa di sapere che ne sarà di eventuali promozioni e retrocessioni, le squadre camune cercano, laddove possibile, di mantenere i contatti con i propri tifosi: c’è chi, come il Breno, affida questo compito a dei contest (prima quello per il miglior gol di stagione ed ora quello rivolto ai tifosi con giochi e domande) e chi, come il Darfo, preferisce dare la parola ai propri vertici.

Così, nelle settimane scorse, sulle pagine social dei neroverdi è stato pubblicato un video in cui Walter Venturi, presidente della società, ha riassunto questi ultimi mesi in cui sui campi di gioco non sono stati tirati calci nè sugli spalti è potuto salire alcun tifoso.

L' emozione non ha voce oppure ha la voce del nostro Presidente. C'è un messaggio per tutti voi 🖤💚#distantimauniti

Pubblicato da U.S. Darfo Boario "Official Page" su Venerdì 1 maggio 2020

“Mi auguro che stiate tutti bene”, esordisce Venturi, che ammette che per la famiglia del Darfo sia stato un periodo difficile, ricordando la scomparsa, a marzo, di Valerio Bianchi, vicepresidente della società. “A lui oggi voglio rivolgere il mio pensiero”, continua Venturi, “il calcio davanti a certe tragedie passa in secondo piano ma non scompare”.

Venturi, poi, rassicura i tifosi: “Il vostro presidente non molla: i colori neroverdi sono parte della mia vita e sono nel mio cuore, mi impegno a portare avanti questa storia di calcio puntando tutto sul settore giovanile. So di poter contare su dirigenti e collaboratori che sono amici”.

“Ci saremo anche il prossimo anno, saremo pronti a riprendere non appena saremo fuori da tunnel”, continua il presidente, che ammette anche la necessità di “ridimensionare e tagliare le spese, perché questa crisi ha colpito tutti. Cercheremo di garantire un servizio di qualità come abbiamo sempre fatto. Ripartiremo anche con la prima squadra, ma dando spazio ai nostri ragazzi del settore giovanile che hanno ottenuto risultati brillanti nelle loro categorie”.

Venturi conclude il suo messaggio visibilmente commosso, ribadendo però la volontà di tornare in campo: “La storia neroverde non la scrive il presidente o il bomber della prima squadra”, dice rivolgendosi ai tifosi, “la storia siete voi”.

Share This