Un’altra giornata rovente attende i bresciani, soprattutto coloro che vivono o lavorano in città. Dopo la tregua di mercoledì, per la giornata di giovedì Brescia è stata infatti inserita tra le città da bollino arancione, ovvero quelle con un rischio elevato per la salute (in particolare dei soggetti più sensibili come bambini e anziani) a causa delle alte temperature.

In città sono previste massime di 35 gradi, mentre in Vallecamonica si aggireranno tra i 32 gradi di Boario ed i 26 di Pontedilegno. Di certo, c’è che questa ondata di calore che sta riguardando anche la nostra provincia sta registrando temperature più alte della media del periodo.

E, ovviamente, non contribuiscono a ridurre l’allarme siccità: dal 1° giugno ad oggi il lago d’Iseo ha perso 40 centimetri di livello. L’Oglio sta portando nel Sebino 27 metri cubi di acqua al secondo: il minimo storico è di 25.

Il Consorzio dell’Oglio sta monitorando costantemente la situazione, restando in contatto con la Regione, le centrali idroelettriche e gli utenti irrigui, ma le valutazioni non possono che essere fatte di settimana in settimana.

Share This