Nella Pieve di San Siro, a Capo di Ponte, si trova un dipinto, raffigurante una Madonna in trono affiancata alla destra da San Bartolomeo, risalente agli ultimi decenni del Quattrocento e la cui attribuzione (secondo alcuni documenti) andrebbe a Giovanni Pietro da Cemmo.

L’opera era inizialmente un affresco murale, strappato dalla facciata della chiesa di San Bartolomeo e portata nella pieve. L’intervento di rimozione ha trasformato il dipinto da murale a mobile su tela, trasferito tramite adesivi su una tela da riporto, e poi incollato su tela da foderatura, fissato e verniciato.

E… voilà! Siamo felici di presentarvi “Voce… scintilla divina”, una rassegna di concerti vocali-strumentali,…

Pubblicato da Pro Loco Capo di Ponte su Giovedì 1 ottobre 2020

Un’operazione la cui origine ed il cui autore restano nel mistero: quel che è certo è che il dipinto inizia ad evidenziare i segni del tempo ed alcuni danni. Per questo è necessario un intervento di restauro, che punta alla ricoloccazione del dipinto nella sua sede originale, il cui progetto è al centro di un ciclo di tre concerti in partenza oggi: “Voce… scintilla divina” proporrà dei momenti di ritrovo per sensibilizzare la popolazione sulla necessità dell’intervento.

Il primo appuntamento si è tenuto, come detto, oggi, con un concerto presso la chiesa di Cemmo; il secondo sarà il 14 novembre, alle ore 16:30, con brani per clarinetto, violoncello, pianoforte e voci tratti dal repertorio classico e romantico, nella chiesa parrocchiale di Capo di Ponte. L’ultimo concerto, infine, si terrà il 20 dicembre, alla stessa ora, nella chiesa parrocchiale di Pescarzo, dove si terrà un omaggio vocale alla Vergine.

Share This