La Caritas di Darfo guidata da don Danilo Vezzoli ha presentato ieri a Breno, in Comunità montana i numeri dell’assistenza 2016/2017.

 

Rispetto alle annate 2014/2015 e 2015/2016, quando gli accessi alla Caritas per l’assegnazione di pacchi alimentari riguardavano rispettivamente gli immigrati per il 64% e gli originari per il 51% e per il 36% e per il 49%, tra 2016 e 2017 c’è stata una decisa inversione di tendenza, con le famiglie italiane salite al 55% e quelle provenienti da altri Paesi scese al 45%.

Don Danilo ha voluto sottolineare che non bisogna sottovalutare questi numeri, che dicono chiaramente che la povertà è fuori dall’uscio di casa.

L’occasione per fare un bilancio dell’anno ormai trascorso era la presentazione dell’accordo di collaborazione sottoscritto fra la Comunità montana e la Caritas.

Per il terzo anno consecutivo, l’alleanza consente di gestire l’impacchettamento dei prodotti alimentari destinati alle famiglie meno abbienti realizzato da Valle Camonica servizi vendite, mentre la distribuzione sull’intera Valle, con cadenza mensile, è possibile grazie alla Società San Vincenzo De Paoli di Breno e di Edolo, dell’Associazione padri di Bienno, alle Serve del Cuore di Gesù e dei poveri, e all’Unione dei Comuni della Media Valle – Civiltà delle Pietre.

Nel 2017 sono stati già preparati 780 pacchi alimentari per un valore complessivo di 25 mila euro, importo messo a disposizione dalla Comunità montana.

Share This