Il caro bollette legato a luce e gas colpisce anche e soprattutto i conti delle case di riposo che, come preannunciato alla fine dell’anno scorso, si sono viste costrette ad alzare i costi delle proprie rette per riuscire a contenere i conti in aumento di elettricità e riscaldamento.

Una vera e propria stangata che colpisce le strutture ma anche, ovviamente, gli ospiti e le relative famiglie. Ad Artogne, ad esempio, i costi della struttura comunale per anziani “Lucia Lorenzetti” sono aumentati di tre euro al giorno, da 47 a 50 euro, su inevitabile decisione della Fondazione “Angelo Maj” di Darfo, che dal 2020 ha preso in carico la struttura.

Proprio qui, però, è riuscito ad intervenire il Comune, che ha deciso di versare esso stesso quei tre euro in più per le persone iscritte all’anagrafe comunale da almeno otto anni nell’arco degli ultimi dieci. Già nel 2022 dal Municipio erano corrisposti per gli ospiti della casa di riposto 5,50 euro, che ora sono diventati 8,50 euro.

In tutto, quindi, l’Amministrazione comunale stanzierà circa 39mila euro, per la gran parte degli ospiti della struttura (in tutto una quarantina) originari di Artogne. La Fondazione “Angelo Maj”, intanto, lavora al recupero della ex Camfart per trasformarla in una propria succursale: si attende la redazione del progetto.

Share This