Novità in vista per la Casa della Serenità di Lovere. Previsto l’ampliamento degli spazi della casa di riposo, per l’incremento dei posti letto e per il potenziamento dei servizi rivolti agli anziani ospiti della struttura avviata nel 1963. Si interverrà sulle due palazzine del lascito Ottoboni, di proprietà della Fondazione Martinoli, la stessa che gestisce la casa di riposo.

Gli spazi, ad oggi inutilizzati, sono stati sottoposti alla valutazione di sei studi di progettazione, che parteciperanno a un concorso di idee dal quale dovranno scaturire progetti e spunti. Le due palazzine in questione distano circa 70 metri dal polo centrale: la più grande dispone di quattro da 180 metri quadrati ciascuno, la più piccola dispone di un piano, con un appartamento di circa 80 metri quadrati.

Il Consiglio di amministrazione vorrebbe di realizzare al loro interno 15 appartamenti protetti e stanze per ulteriori 36/40 posti letto che andranno ad aggiungersi ai 110 già presenti nella casa di riposo loverese, per un investimento complessivo di 12 milioni di euro.

I sei studi di architettura coinvolti nel concorso hanno tempo fino a fine maggio per presentare le loro soluzioni. Ad accompagnare il Cda in questo percorso sarà l’architetto Luca Molinari, titolare di uno studio e professore ordinario all’Università degli Studi della Campania.

Share This