Nel bresciano i dati della settimana evidenziano un calo dei contagi. Nelle ultime 24 ore sono stati 282 i nuovi positivi e ci sono stati 8 decessi. Un lento miglioramento, che si evidenzia anche tra gli isolamenti domiciliari, scesi come non accadeva da mesi.

In Vallecamonica la curva resta abbastanza stabile, anche se sabato il numero di nuovi casi è salito a 58, rispetto alla media di 35 casi al giorno registrata questa settimana. Soltanto 13 i nuovi guariti, zero i decessi.

Intanto sono parecchi i paesi della Vallecamonica che ancora devono lottare contro la diffusione dei contagi, se si pensa che da tempo non si registrano Comuni Covid-free tra i 40 del territorio. E dopo Bienno e Breno, anche Borno vede peggiorare la situazione, tanto che il sindaco Matteo Rivadossi, ha deciso nelle scorse ore di scrivere una lettera ai suoi concittadini per fare il punto della situazione.

“Abbiamo 36 bornesi positivi, di cui 4 ricoverati in ospedale. I numeri sono verosimilmente destinati a salire, poiché da lunedì, per un caso positivo tra i bambini, l’asilo nido resterà chiuso”.

Rivadossi fa notare che questo è un momento delicato, in cui si tende ad abbassare la guardia: “Stanchezza, vaccinazioni a un buon ritmo, la bella stagione che avanza, ci fanno pensare a un miglioramento sia dell’emergenza, sia delle limitazioni. Ma non è così” afferma il sindaco, puntando il dito contro assembramenti e spostamenti ingiustificati: “Vi chiedo di rispettare ancora le regole: per i nostri nonni, per i fragili, per chi aspetta di riaprire le attività…Se non per noi, rispettiamo le regole per tutti loro”.

A Malegno 4 nuovi casi ieri, che hanno portato il totale dei positivi a 18. Anche qui interviene il sindaco, Paolo Erba, raccomandando ancora una volta prudenza attraverso i social: “Evitiamo situazioni di rischio per noi e per i nostri familiari”.

Share This