La Regione finanzia interventi nei cimiteri dei piccoli Comuni

La Regione finanzia interventi nei cimiteri dei piccoli Comuni

I piccoli Comuni lombardi sotto i 5.000 abitanti sono destinatari del bando finalizzato alla messa in sicurezza dei cimiteri. La Giunta regionale lombarda ha dato ufficialmente via libera allo stanziamento di ulteriori 10 milioni di euro. La misura, avviata inizialmente con una dotazione economica di 1 milione di euro che ha permesso di finanziare 53 domande ammesse, raggiunge così gli 11 milioni di euro e permetterà di finanziare ulteriori 528 interventi ammessi.

In Vallecamonica sono 25 le domande ammesse e finanziate con la nuova misura. Potranno sistemare i loro camposanti i Comuni di: Artogne, Berzo Demo, Berzo Inferiore, Bienno, Borno, Braone, Capo di Ponte, Cedegolo, Cerveno, Cevo, Cimbergo, Cividate Camuno, Corteno Golgi, Edolo, Incudine, Losine, Malegno, Malonno, Niardo, Ono San Pietro, Ossimo,Paspardo, Saviore dell’Adamello, Temù, Vezza d’Oglio.

Fondazione Giamboni di Edolo, c’è il nuovo Cda e si pensa alla nuova Casa di riposo

Fondazione Giamboni di Edolo, c’è il nuovo Cda e si pensa alla nuova Casa di riposo

Il Consiglio comunale di Edolo ha deliberato all’unanimità la nomina dei consiglieri del Cda della Rsa Giamboni, anche a seguito della revisione del regolamento che disciplina le nomine dei componenti del Consiglio.

I nuovi membri sono: gli avvocati Francesco Cesare Palermo e Marina Bernardi, il commercialista Michele Cattaneo, Mauro Vitali e Pierangelo Zucchetti. Riconfermato al vertice il dottor Massimo Chiesa, presidente uscente.

L’obiettivo che si pone il nuovo Cda, anche in accordo con l’amministrazione, è quello di elevare la qualità e la quantità dei servizi. Per questo si parla sempre più insistentemente di una nuova struttura, da realizzare nella zona del polo sportivo e scolastico di via Morino. Un progetto che ha preso forma sin dal lascito Carestia, da ben 3 milioni di euro. Si partirà da questa base economica certa per pensare all’acquisizione del terreno e a una struttura moderna e in grado di accogliere più di 100 posti letto. Attualmente dispone di 72 posti letto accreditati.

Campagna vaccinale in Vallecamonica: 67.700 i camuni immunizzati, al via terza dose e test salivari sugli studenti

Campagna vaccinale in Vallecamonica: 67.700 i camuni immunizzati, al via terza dose e test salivari sugli studenti

Se da lunedì prossimo anche in Vallecamonica partirà la somministrazione della terza dose del vaccino per i soggetti più fragili, il lavoro dell’Asst continua a concentrarsi soprattutto sulla campagna vaccinale rivolta a tutta la popolazione, con una media di 540 dosi giornaliere tra il Centro Congressi di Boario e l’ex Convitto Bim di Edolo.

L’Azienda informa che da inizio anno ad oggi sono stati 67.700 i camuni che hanno ricevuto entrambe le dosi e 79.600 quelli che hanno ricevuto la prima. Anche per la prossima settimana continua ad essere disponibili, nei due hub vaccinali, degli slot riservati a coloro a cui non è ancora stato somministrato il vaccino, con possibilità di prenotazione online sul sito della Regione o di accesso diretto per determinate fasce: i centri, da lunedì 20 a sabato 25 settembre, saranno aperti dalle ore 08:00 alle 14:00.

Vallecamonica in prima linea anche nel monitoraggio della circolazione del virus tra la popolazione studentesca delle scuole primarie e secondarie di primo grado: il Laboratorio analisi di Esine è infatti uno dei sette centri scelti dalla Regione per le attività previste dall’Istituto Superiore di Sanità: da venerdì 17 settembre ed ogni 15 giorni saranno effettuati test salivari su un campione di studenti equivalente al 5% della popolazione scolastica, ovviamente previo consenso dei genitori.

I numeri, dice la Direzione Strategica, sono “importanti”, ma “devono essere incrementati il più possibile, per presentarsi all’avvio della stagione invernale con un alto tasso di immunizzazione della popolazione: l’invito dell’Asst della Valcamonica è dunque quello di prenotarsi per le sedute vaccinali”.

Artogne, più parcheggi per via Carducci

Artogne, più parcheggi per via Carducci

Il Comune di Artogne va in soccorso di via Carducci, nota in paese per essere stata una delle prime strade ad essere asfaltata e che necessitava di interventi con lo scopo di dotarla di un maggiore numero di posti auto. Su annuncio di Barbara Bonicelli, sindaco del paese, si sono così aperti i cantieri: uno riguarda la zona alta (verso il paese), dove saranno realizzati nove posti auto, e la zona centrale, che accoglierà cinque posteggi.

L’altro, invece, prevede la realizzazione di sette posti auto e di un’area verde su cui dovrebbe sorgere un parco giochi inclusivo, ma anche la messa in sicurezza dell’incrocio tra via Carducci e la traversa omonima, dove alcuni tralicci e pali della luce rendono difficile l’immissione sulla strada. I lavori, affidati all’impresa Pe di Pian Camuno, ammontano ad un totale di 140mila euro, parte dei quali in arrivo grazie ad un finanziamento di Regione Lombardia.

Ats della Montagna, il neo Dg Stradoni già in visita in Vallecamonica

Ats della Montagna, il neo Dg Stradoni già in visita in Vallecamonica

Raffaello Stradoni, da lunedì scorso nuovo Direttore Generale dell’Ats della Montagna, non ha perso tempo ed ha già iniziato a compiere un viaggio conoscitivo del territorio di cui si dovrà occupare. Lo ha fatto partendo proprio dalla Vallecamonica, della cui Asst è stato Direttore Generale dal 2016 al 2018.

Nei giorni scorsi si è infatti recato a Breno, dove ha incontrato alcuni collaboratori. Mercoledì mattina è stata la volta dell’Alto Lario, con visita all’unità mobile Areu di Sorico adibita a centro vaccinale, e quindi dell’ospedale di Gravedona. Nel pomeriggio, invece, visita presso l’Asst Valtellina e Alto Lario.

“Sono appena arrivato”, ha dichiarato Stradoni, “e mi sto ancora ambientando come è normale che sia. I colleghi della mia direzione strategica mi stanno aiutando e supportando guidandomi con pazienza alla scoperta di un’azienda che devo dire ho trovato in buone condizioni di salute. L’Agenzia”, ha proseguito, “è ben strutturata, certo i problemi ci sono, come ci sono ovunque, ma sono comunque noti e monitorati. Ricevo, dunque, una buona eredità che cercherò di mantenere tale in termini di qualità dei servizi”.

Pandemia in Vallecamonica, mercoledì un solo nuovo caso

Pandemia in Vallecamonica, mercoledì un solo nuovo caso

Continua l’andamento più che contenuto della pandemia in Vallecamonica: se martedì l’Ats della Montagna non aveva riscontrato nessun nuovo caso, per la giornata di mercoledì l’Azienda sanitaria ne ha rilevato uno solo, affiancato ai due nuovi guariti segnalati per la stessa giornata. Da ricordare che il il numero delle vittime camune resta fermo a 333.

Sul fronte dei Comuni Covid-Free, il numero dei paesi della Vallecamonica senza contagi da almeno ventotto giorni è ancora 17, in calo sì rispetto a qualche settimana fa, ma molto vicino ala metà dei Comuni sul nostro territorio. L’ultimo ad essere entrato in questo elenco, pochi giorni fa, è stato Angolo Terme.

Novantatre, invece, in nuovi casi riscontrati nel resto della Provincia di Brescia, 628 in tutta la Lombardia. Anche nelle scuole camune, infine, sono riprese le lezioni: anche qui doppi turni di ingresso e di uscita, con qualche eccezione, come all’Antonietti di Iseo, dove i turni di uscita degli studenti sono tre.