Calcio, pareggio per il turno infrasettimanale del Breno

Calcio, pareggio per il turno infrasettimanale del Breno

Dopo tre gare a reti inviolate, il Breno ha dovuto concedere un gol al Fanfulla, nel turno infrasettimanale della seconda giornata del girone di ritorno di Serie D. I lodigiani, al Tassara, si sono portati in vantaggio con Laribi al 45esimo del primo tempo. Il gol del pareggio è arrivato al 23esimo del secondo tempo, grazie a Goglino.

Un pareggio, quello ottenuto dagli uomini di Mario Tacchinardi, che impedisce al Breno di fare poker di partite senza gol subiti, ma che comunque garantisce ai granata un punto. Ora i camuni sono undicesimi in classifica, con 23 punti: domenica prossima saranno ospitati dal Vis Nova Giussano, che si trova poco sotto, ad un solo punto di distanza.

Il Breno torna in campo contro il Fanfulla cambiando poco o nulla

Il Breno torna in campo contro il Fanfulla cambiando poco o nulla

Scenderanno in campo gli stessi giocatori che abbiamo visto sabato scorso, contro il Sona, nella gara di anticipo della seconda giornata di ritorno di Serie D del Breno. Quest’oggi, alle ore 14:30, al Tassara gli uomini di Mario Tacchinardi se la dovranno vedere contro il Fanfulla (la partità si giocherà a porte chiuse, ma si potrà seguire in diretta Twitch a questo link).

Una squadra “che gioca molto concreto e che va dritto per dritto”, dice il Mister al Giornale di Brescia: va ricordato che i granata, contro il Fanfulla, in passato hanno avuto qualche problema: all’andata di questo campionato hanno subìto tre reti, mentre l’anno scorso un rigore al 93esimo a favore dei lodigiani scatenò le proteste di alcuni tifosi, che portarono alla squalifica del campo per i camuni.

Il Fanfulla torna in campo dopo aver saltato la gara contro la Real Calepina, rinviata, e gode di maggior riposo, ma i camuni ci saranno con il desiderio di allontanarsi sempre più dalla zona rossa abbandonata sabato: mancheranno Libertazzi e Carminati, Mondini in dubbio, per l’attacco sarà recuperato Tanghetti.

Il bilancio del 2020 dei Paracadutisti camuni

Il bilancio del 2020 dei Paracadutisti camuni

Le numerose restrizioni causate dalla pandemia non hanno impedito alla sezione camuna dell’Associazione Nazionale Paracadutisti d’Italia di tenere alcune iniziative, che sono state illustrate nell’assemblea ordinaria tenutasi domenica scorsa -nel pieno rispetto delle norme anti-Covid- all’interno dell’Hotel Sorriso di Boario Terme.

Antonello Richini, presidente della sezione, ha così ricordato le celebrazioni per l’anniversario della realizzazione del monumento al Paracadutista a Darfo e la celebrazione in ricordo della battaglia di El Alamein. Tra gli altri eventi, i festeggiamenti per gli undici anni della santella al Paracadutista che si trova nella chiesetta di San Floriano a Grevo di Cedegolo ed il ricordo, a Sonico, di monsignor Vittorio Bonomelli, il sacerdote paracadutista.

La sezione, che ha voluto anche ringraziare con una somma di denaro l’Asst di Vallecamonica per il suo impegno in questi mesi difficili, ha poi annunciato di aver già stilato il calendario degli appuntamenti del 2021, nella speranza che si possano svolgere in sicurezza.

Infine, sono stati presentati gli allievi del corso di paracadutismo, due ragazze ed un ragazzo, che hanno terminato la parte teorico-pratica e che a breve dovrebbero saranno ammessi alla fase lancistica vera e propria.

Un anno di Covid-19, la cerimonia commemorativa a Piancogno

Un anno di Covid-19, la cerimonia commemorativa a Piancogno

Ad un anno esatto dalla scoperta del primo contagiato dal Covid-19 in Italia, a Codogno, non sono mancate le iniziative per ricordare il tragico anno appena trascorso e le persone che sono venute a mancare, anche in Vallecamonia.

In particolare, a Piancogno sabato mattina si è tenuta una cerimonia all’interno del cimitero, presieduta da don Cristian Favalli, durante cui è stato posato -come gesto simbolico in ricordo delle vittime della pandemia- un cesto di fiori (lo stesso gesto è stato fatto anche nel cimitero di Cogno).

Ad un anno dall’inizio della pandemia abbiamo pensato di ricordare le vittime del Covid-19 posando un simbolico cesto…

Posted by Comune di Piancogno on Saturday, February 20, 2021

Alla cerimonia, oltre che a Francesco Sangalli, primo cittadino del paese ed agli uomini della Protezione Civile, era presente anche Francesco Ghiroldi, per anni sindaco di Piancogno ed oggi consigliere regionale. “La nostra comunità ha dato prova di saper reagire”, ha commentato Ghiroldi, lui stesso colpito dal virus ormai un anno fa, “ora intravediamo la possibilità di un ritorno alla normalità. Ma non dobbiamo abbassare la guardia, abbiamo ancora un tratto di strada da percorrere”.

Annullata la trentesima Fiera dei Fiori di Piancogno

Annullata la trentesima Fiera dei Fiori di Piancogno

Annullata la trentesima Fiera dei Fiori di Piancogno. L’ha annunciato la Pro Loco attraverso un comunicato: “Gli impedimenti e l’enorme incertezza che mina la vita quotidiana di ognuno di noi non ci consente di poter pianificare con la giusta e dovuta organizzazione la manifestazione”.

Quella del 2021 avrebbe dovuto essere la XXX^ edizione della fiera che ogni anno richiama migliaia di persone. “Possiamo capire la delusione e la tristezza per questa decisione, ma la gestione di queste manifestazioni non può tralasciare la sicurezza e la tranquillità delle persone” scrivono dalla Pro Loco.

L’intenzione del direttivo però sarebbe quella di provare ad organizzare un evento simile più avanti: per la fine dell’estate o l’inzio dell’autunno.

Breno deve dare l’ultimo saluto all’avvocato Federico Nobili

Breno deve dare l’ultimo saluto all’avvocato Federico Nobili

Breno piange la scomparsa dell’avvocato Federico Nobili. Classe 1931, avrebbe compiuto 90 anni ad ottobre. Molto conosciuto non solo nella cittadina della media Valle per la sua attività forense – che ora portano avanti i figli Mario e Dina nello studio di via Mazzini – era figlio dell’avvocato Mario Nobili, storico esponente del Partito socialista, primo sindaco di breno dopo la Liberazione e fino al 1951.

Politicamente attivo, anch’egli di matrice socialista, attorno agli anni ’80 fu presidente della Società operaia di mutuo soccorso Garibaldi, nonché consigliere comunale a Breno. A livello professionale ricopriva invece la carica di presidente dell’Associazione Avvocati Camuni.

I funerali si terranno in Duomo mercoledì 24 febbraio alle 15:00, seguirà la tumulazione nel cimitero di Malegno.