“Splash!”, il nuovo programma di Radio Voce Camuna interamente realizzato dai ragazzi del Centro Diurno di Darfo

“Splash!”, il nuovo programma di Radio Voce Camuna interamente realizzato dai ragazzi del Centro Diurno di Darfo

Un nuovo programma sta per partire su Radio Voce Camuna, con dei protagonisti molto particolari. Da sabato 9 ottobre 2021, e per tre settimane, alle ore 14:30 andrà in onda “Splash!”, un programma realizzato interamente da alcuni ragazzi del Centro Diurno di Darfo Boario Terme, che fa riferimento alla Cooperativa Arcobaleno.

Il programma rientra nel progetto più ampio “C’entro anch’io 2”, finanziato dall’ambito tematico B dell’avviso pubblico “Educare”: le tre puntate che andranno in onda sono state pensate, scritte e registrate nei nostri studi dai ragazzi che hanno preso parte al progetto, e che così hanno vissuto un’esperienza, quella all’interno di uno studio radiofonico, assolutamente inedita ed arricchente.

“Splash!” è stato costruito con l’idea di far sorridere gli ascoltatori: un viaggio nella pigrizia e nei mille modi di affrontarla di fronte alle piccole sfide quotidiane, il tutto inframezzato da brani musicali, anch’essi selezionati dai giovani protagonisti.

LE PUNTATE DI “SPLASH!”

PRIMA PUNTATA – 9 OTTOBRE 2021

SECONDA PUNTATA – 16 OTTOBRE 2021

TERZA ED ULTIMA PUNTATA – 23 OTTOBRE 2021

“Women in rock”, a Breno la mostra dedicata alle donne che hanno cambiato la musica

“Women in rock”, a Breno la mostra dedicata alle donne che hanno cambiato la musica

E’ stata inaugurata il 2 ottobre scorso, e sarà visitabile fino al 21 ottobre, al Palazzo della Cultura di Breno, la mostra “Women in Rock-Soul blues jazz”, una raccolta di 500 copertine di album con protagoniste le più grandi artiste del panorama musicale internazionale.

Un vero e proprio viaggio nel tempo, che parte da Billie Holiday fino ad arrivare a Billie Eilish, toccando ovviamente le artiste italiane più rappresentative. L’idea della rassegna è venuta a Giambattista Sainini, appassionato di musica, che ha trovato anche il sostegno del Comune di Breno nell’allestimento.

L’intervista a Giambattista Sainini

“Ho voluto dare un’idea di tutto il fenomeno, non solamente il rock fine a se stesso, ma la mostra è un percorso tra il soul, il blue, il jazz, il raggae, sempre nell’universo femminile”, ci ha raccontato Sainini, “sono partito dalle prime forme di musica delle grandi interpreti di colore americane, fino ai nostri giorni, con un reparto dedicato alla musica italiana, per rappresentare questo fenomeno molto bistrattato a livello musicale, anche se grandi donne sono diventate importanti anche oltre la musica in politica e non solo”.

Ci fa qualche nome delle protagoniste della mostra?

“Si comincia da Sarah Vogan, Billie Holiday, ma anche Joan Baez (contestata anche a livello politico, avendo fatto della sua musica un impegno civile legato soprattutto la guerra in Vietnam), Patty Smith… Fino ai nostri giorni: basti citare Madonna, per la sua evoluzione più d’immagine che politica. L’idea era quella di cavalcare l’onda di quello che sta succedendo oggi. E’ una mostra dedicata alle artiste che hanno dato forma a nuovi generi e che si sono impegnate non solo nella musica”.

Alcune delle copertine presenti alla mostra

La mostra nasce a seguito dell’uscita del libro “L’altra metà del pop. L’emancipazione femminile rappresentata nelle più belle copertine dei dischi” di Paolo Mazzucchelli, ospite l’8 ottobre scorso proprio all’interno della rassegna. “Women in rock” è visitabile dal lunedì al sabato dalle ore 09:00 alle 18:00, il venerdì anche dalle ore 19:00 alle 22:00 e la domenica dalle ore 15:00 alle 18:00.

“Vorrei capire come reagirà la gente”, conclude Sainini, “potrebbe essere una rassegna di nicchia, ma secondo me potrebbe anche essere allestita in altri Comuni”.

Elezioni Amministrative 2021, “riconferma” è la parola d’ordine in Vallecamonica

Elezioni Amministrative 2021, “riconferma” è la parola d’ordine in Vallecamonica

Una tornata elettorale all’insegna della riconferma. Si potrebbero riassumere così i risultati alle Elezioni Amministrative che domenica 3 e lunedì 4 ottobre hanno chiamato al voto i residenti di 26 Comuni nella provincia di Brescia.

Dei quattordici sindaci uscenti ricandidati, ben dodici hanno infatti riottenuto la fiducia e continueranno ad amministrare il proprio Comune. Una tendenza rispettata anche dalla Vallecamonica, dove nei sette Comuni interessati dal voto (ricordiamo che a Bienno le elezioni non si sono tenute perché l’unica lista candidata non è stata ammessa), ben cinque hanno rinnovato il primo cittadino in carica negli ultimi cinque anni: Artogne, Esine, Losine, Ossimo e Pian Camuno puntano così sulla continuità.

Ma anche gli altri due Comuni, ovvero Incudine ed Ono San Pietro, in un certo senso non vedono particolarmente stravolta la propria situazione: ad Incudine, infatti, ha vinto Diego Carli, che della passata Amministrazione è stato vicesindaco, mentre ad Ono San Pietro l’unica lista in lizza ha superato il quorum ed eletto Fiorenzo Formentelli, sostenuto dall’uscente Elena Broggi. Sia quest’ultima che Bruno Serini, ex sindaco di Incudine, fanno parte delle liste vincitrici.

Una situazione identica anche a Costa Volpino, dove nella lista in cui ha trionfato (con poco più del 70% dei voti) Federico Baiguini c’è anche Mauro Bonomelli, sindaco del Comune dell’Alto Sebino per due anni. Infine, una nota sulle quote rosa: sei le sindache elette in tutta la provincia, tra cui Barbara Bonicelli ad Artogne; in tutto, le donne candidate nel Bresciano sono state ventidue, di cui tre in Vallecamonica.

I RISULTATI DELLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2021

ARTOGNE

“Artogne, Piazze e Acquebone” – Barbara Bonicelli: 67,29% (1.409 voti) – ELETTA SINDACA

“Cambiamo Artogne” – Giuseppe Andreoli: 32,71% (685 voti)

ESINE

“Idee Comuni – Esine Plemo Sacca” – Emanuele Moraschini: 65,61% (1.649 voti) – ELETTO SINDACO

“Chiave di (s)volta” – Raffaella Richini: 34,49% (868 voti)

INCUDINE

“Incudine cresce” – Diego Carli: 65,22% (165 voti) – ELETTO SINDACO

“Uniti per Incudine” – Costantino Vito Violi: 34,78% (88 voti)

LOSINE

“Continuiamo insieme Losine” – Mario Chiappini: 50,47% (214 voti) – ELETTO SINDACO

“Uniti per Losine” – Daniele Dò: 49,53% (210 voti)

ONO SAN PIETRO

“Idee per il futuro” – Fiorenzo Formentelli: 447 voti (100%) –  ELETTO SINDACO

OSSIMO

“Alternativa civica” – Cristian Farisè: 74,35% (710 voti) – ELETTO SINDACO

“Rinascere” – Silvia Bottichio: 7,64% (73 voti)

“Insieme per Ossimo” – Marco Bottichio: 18,01% (172 voti)

PIAN CAMUNO

“Orizzonte Pian Camuno” – Giorgio Ramazzini: 59,55% (1.487 voti) – ELETTO SINDACO

“Pian Camuno 4.0 Uniti per il cambiamento” – Marcello Santicoli: 40,45% (1.010 voti)

COSTA VOLPINO

“Costa Volpino cambia” – Federico Baiguini: 70,08% (3.096 voti) – ELETTO SINDACO

“Idea Civica” – Nicola Facchinetti: 29,92% (1.322 voti)

Torna l’Ottobre in Rosa con Andos di Vallecamonica Sebino. Fulvia Glisenti: “Parola d’ordine: prevenzione”

Torna l’Ottobre in Rosa con Andos di Vallecamonica Sebino. Fulvia Glisenti: “Parola d’ordine: prevenzione”

L’Ottobre in Rosa torna con le sue inziative, nel mese dedicato alla prevenzione del cancro al seno. Ogni anno gli appuntamenti messi a calendario dall’ATS della Montagna e dalle associazioni sul territorio sono numerosi: dai momenti di approfondimento sullo stile di vita sano, agli incontri sulla divulgazione d’informazioni mediche approfondite, passando per gli eventi di carattere culturale.

Un appuntamento doveroso in questo inizio di ottobre, dunque, quello con il Comitato Andos di Vallecamonica Sebino e con la sua presidente, Fulvia Glisenti, che ai nostri microfoni ha spiegato e ribadito l’importanza della prevenzione.

“Il mese di ottobre è sempre stato il mese della prevenzione del tumore al seno” esordisce Glisenti “Ora si sono allargati un po’ gli orizzonti, tanto che, oltre a puntare alla prevenzione di tutti i tumori femminili, cerchiamo di coinvolgere anche i maschietti, parlando anche di tumori maschili. E’ bene che tutti facciano un po’ di prevenzione, il tumore non guarda sesso, ceto sociale o altro”.

L’intervista a Fulvia Glisenti

Dopo il successo dell’evento svoltosi domenica a Berzo Demo con “Val Saviore in Rosa”, che ha coinvolto la pittrice Patrizia Tigossi e l’esperto di erbe e botanica Italo Bigioli, si prosegue con la proposta forse più nuova e significativa in programma da parte di Andos per l’Ottobre in Rosa 2021:

“Con la psicologa che segue le nostre donne abbiamo pensato a un corso di rilassamento CORPeMENTE. Lo faremo tutti i giovedì del mese di ottobre, previa iscrizione. In questo periodo per coloro che si scontrano con la malattia è veramente molto importante fare questi corsi di rilassamento, completamente gratuiti per i malati oncologici. E’ importante anche e soprattutto dopo la pandemia. Colgo l’occasione per invitare tutti a farsi vaccinare, credo che sia un dovere verso gli altri oltre che verso sè stessi.” Gli incontri, che iniziano questo giovedì 7 ottobre, si terranno presso il PalaViBi di Piamborno, sempre dalle ore 17:00 alle ore 18:15 e hanno già raggiunto il massimo di iscrizioni.

Tornano poi le bustine di zucchero rosa a favore di Andos per la prevenzione. E’ capitato già di vedere edifici illuminati di rosa e vedere aiuole e rotonde decorate con il motivo del rosa. Perchè?
“Tutti i Comuni sono sensibilizzati a questa inziiativa. Il rosa richiama il tema del mese, e ricorda che la prevenzione è il vero salvavita”.

Prevista anche quest’anno la Staffetta di ATS della Montagna sulla ciclabile. Anche Andos parteciperà con un gruppo di 3 uomini e 2 donne (entrambe operate di tumore al seno). E’ in programma per sabato 16 ottobre, dalle 9:00 alle 11:00 e il Comitato sarà sul percorso da Pisogne a Darfo Boario Terme.

A fine mese, il 29, appuntamento presso la Biblioteca di Pian Camuno per la presentazione del libro “Don Pierino Ferrari. Vestito di terra, fasciato di cielo”.
Durante tutto il mese di ottobre, come detto, ci si potrà rivolgere al Comitato per acquistare le Bustine di Zucchero a favore dell’A.N.D.O.S.
Da questa settimana e fino al 6 gennaio 2022, inoltre, le volontarie dell’Associazione Amici di Caterina di Bienno venderanno nella sede di via Castello, ogni mercoledì dalle 14:00 alle 16:00, con un ampio assortimento di manufatti in stoffa. Il ricavato delle vendite verrà devoluto al Comitato Andos di Valle Camonica – Sebino (Per maggiori informazioni contattare Terry Bettoni al 346 213 9954)

Teatro delle Ali, la stagione 2021-22 all’insegna della vera ripartenza

Teatro delle Ali, la stagione 2021-22 all’insegna della vera ripartenza

Il Teatro delle Ali c’è e va alla conquista della stagione “perduta” l’anno scorso: si possono riassumere così le intenzioni del calendario di proposte 2021-22 presentate martedì 7 settembre 2021 al Cinema Teatro Giardino di Breno che -grazie alla collaborazione di Comune e Cipiesse Produzioni- ospiterà nei suoi locali più ampi gran parte degli spettacoli annunciati dalla direzione artistica di Vittorio Pedrali. Il tutto, ovviamente, seguendo le regole in vigore (vale a dire ingresso consentito con Green Pass).

Vittorio Pedrali racconta la nuova stagione del Teatro delle Ali (di Linda Bressanelli)

Consapevoli che “senza teatro siamo tutti un po’ più isolati, incompleti e sprovveduti”, questa stagione sarà, come detto all’insegna del recupero di quegli spettacoli già annunciati l’anno scorso e che, a causa del Dpcm di ottobre 2020, non è stato possibile mettere in scena.

Vittorio Pedrali annuncia il calendario 2021-22 del Teatro delle Ali

Ad aprire il calendario sarà -il 5 ottobre- Federico Buffa, con “Due pugni guantati di nero”; il 28 e 29 ottobre sarà la volta di Giacomo Poretti che, con “Chiedimi se sono di turno”, renderà omaggio agli operatori sanitari: delle due date la seconda sarà dedicata in particolare ai lavoratori dell’Asst di Vallecamonica, con prelazione del posto e riduzione dedicata (basterà presentare dal 20 settembre fino a esaurimento posti il proprio tesserino in biglietteria).

A novembre saliranno sul palco del Cinema Teatro Giardino Stivalaccio Teatro con “Arlecchino Furioso” (il 10) e Michela Murgia con “Dove sono le donne?” (il 22), mentre a dicembre ci sarà la prima novità, ovvero il nuovo lavoro di Lucilla Giagnoni, “Anima Mundi”, dedicato a Giacomo Leopardi (il 2 ed il 3). Il 2022 si aprirà con Ascanio Celestini e “Radio Clandestina”, il 25 gennaio, mentre a febbraio sarà la volta di “Riccardo3, l’avversario” di Enzo Vetrano e Stefano Randisi (il 16).

“Segnale d’allarme”, lo spettacolo con protagonista -seppur virtualmente- Elio Germano si terrà il 3, 4 e 5 marzo al Teatro delle Ali; il 15 si tornerà invece al Giardino per “Pescheria Giacalone e figli” con Rosario Lisma. La stagione di prosa si chiuderà il 6 aprile con Tindaro Granata, che torna a Breno dopo quattro anni con “Antropolaroid”.

Il 2022 segnerà anche il ritorno della rassegna “All Music”, con le proposte di Laurianne Langevin e Cyrille Doublet (il 26 febbraio), Dino Rubino (il 19 marzo) e Paolo Fresu (il 9 aprile). Cinque gli spettacoli -più due di circo contemporaneo- del ciclo “Portami a teatro”, dedicati ai più piccoli. Infine, in primavera, spazio anche al mini ciclo “Divina Umanità”, dedicato alla sfera più spirituale dell’umano esistere.

Anche quest’anno il Teatro delle Ali si avvarrà del sistema di biglietteria Vivaticket per permettere l’acquisto online (con un piccolo diritto di prevendita) dei biglietti degli spettacoli di “In Tournée” ed “All music”.

La biglietteria di riferimento per abbonamenti e biglietti singoli è la sede di Via SS. Maria di Guadalupe 5 a Breno, anche se sarà possibile acquistare biglietti singoli presso il Teatro Giardino (in Viale 28 aprile) nei pomeriggi o nelle serate in cartellone 45 minuti prima dell’inizio dello spettacolo in programma.

Per quanto riguarda la campagna abbonamenti – per le sole stagioni di “In Tournée” e “Portami a teatro” –, questa partirà ufficialmente giovedì 9 settembre per il rinnovo degli abbonamenti (con condizioni particolarmente premianti per chi ha deciso di dare fiducia al Teatro delle Ali durante il periodo del lockdown) e da lunedì 20 settembre per la sottoscrizione di quelli nuovi. I biglietti singoli saranno invece regolarmente acquistabili – sia in biglietteria che online – a partire da martedì 28 settembre, negli orari di apertura e secondo disponibilità.

Grandi nomi dell’arte e dell’architettura contemporanea per la III Rassegna d’ADA

Grandi nomi dell’arte e dell’architettura contemporanea per la III Rassegna d’ADA

Dal 4 settembre al 2 ottobre 2021, l’Associazione culturale d’ADA (fondata da Giorgio Buzzi, Eletta Flocchini e Marco Farisoglio) nel pieno rispetto e attenzione della normativa dettata dalla pandemia, propone un nuovo cartellone ricco di appuntamenti in location emblematiche tra Darfo Boario Terme e Cividate Camuno.

Si inizierà il 4 settembre nella cornice della Chiesa di Santa Maria del Restello, a Erbanno, con Lauretta Colonnelli, giornalista e scrittrice, in dialogo con Giorgio dell’Arti, giornalista e fondatore de Il Venerdì di Repubblica.

Venerdì 10 settembre si andrà al cinema Garden a Darfo per “Il segno contemporaneo nell’architettura” con l’architetto Mario Botta. Il venerdì seguente, 17 settembre, sempre al cinema Garden, due grandi nomi della cultura italiana a confronto: l’archeologo e storico dell’arte Salvatore Settis e l’artista, poeta e scrittore Emilio Isgrò, in un dialogo su “I segni dell’uomo”. Modera il giornalista bresciano Massimo Tedeschi.

A Cividate Camuno sarà il cortile della nuova sede del Museo Archeologico Nazionale ad ospitare l’appuntamento del 25 settembre con la fotografia di Uliano Lucas. A chiudere il calendario di d’ADA 2021 sarà il gallerista Sergio Casoli, con l’incontro di sabato 2 ottobre al castello di Gorzone.

Gli appuntamenti sono a ingresso libero, ma si potrà accedere solo previa prenotazione presso: Eventi a Darfo Boario Terme (Segreteria Organizzativa, Ufficio Cultura) iscrizioni@darfoboarioterme.net, oppure Eventi a Cividate Camuno (Segreteria Organizzativa, Assocamuna) info@assocamuna.it, o Eventi FAI: (Informazioni e Iscrizioni)  vallecamonica@gruppofai.fondoambiente.it.

Il ciclo di appuntamenti ha il sostegno di Comunità Montana e Distretto Culturale, dei due Comuni coinvolti – Darfo e Cividate – di imprenditori e professionisti camuni, del Rotary club Lovere Iseo Breno e dal gruppo Fai Vallecamonica, che domenica 19 settembre proporrà una visita guidata di comparazione tra le architetture della chiesa di Santa Maria del Restello e la chiesa di Santa Maria a Darfo.

Radio Voce Camuna, da parte sua, proporrà “Scoprendo d’ADA”, in onda ogni mercoledì, dal 25 agosto al 29 settembre, in cui Eletta Flocchini, direttore artistico di d’ADA, presenta la rassegna e i cinque appuntamenti in programma. In ogni puntata interverrà un ospite, rappresentante di uno degli enti o associazioni che sostengono la rassegna 2021. I contributi verranno caricati anche su questo sito, di settimana in settimana, sottoforma di podcast.

“Abbiamo la consapevolezza che la cultura rappresenti l’essenza dello sviluppo e che vada sostenuta e promossa in ogni sua forma – aggiunge Marco Farisoglio, co-fondatore del sodalizio e presidente di Radio Voce Camuna – Viviamo in un’epoca ricca di contrasti, dove la velocità dei cambiamenti lascia poco spazio a momenti di riflessioni: noi vogliamo prenderci il nostro tempo e condividerlo con chi ne sente la necessità. Per costruire nuove prospettive di confronto e sviluppo che riguardano il nostro territorio, inteso come luogo che dà vita ad energie creative e visioni innovative”.

d’ADA si conferma, dunque, come rassegna culturale che, coinvolgendo personaggi di fama internazionale valorizza il territorio e le sue espressioni in un connubio di eccellenze che porta lo sguardo oltre il tempo verso il bello e l’arte.