A quasi un mese di distanza dal primo allarme lanciato, la situazione di allerta sulla frana che dal monte Saresano, a Tavernola Bergamasca, incombe sul lago d’Iseo, è passata da “arancione” a “bianca”. Il che, in altre parole, vuole dire che l’allarme è cessato: la frana, stando ai rilievi effettuati dai radar in queste settimane, si sarebbe fermata.

Alla luce di questi nuovi dati, la Sala Operativa di Protezione Civile Lombardia ha confermato, giovedì, l’uscita dalla fascia di allerta arancione. Il che non significa che la il movimento sul monte non sarà più tenuto sotto controllo: le Università Bicocca di Milano e di Bologna continueranno con le loro analisi, anche per capire meglio che cosa abbia causato lo spostamento che da settimane sta tenendo sotto scacco numerosi Comuni che si affacciano sul Sebino.

Quegli stessi Comuni che, in queste settimane, hanno predisposto piani di evacuazione, fatto prove di avvertimento con le sirene e censito la popolazione a rischio. Il cessato allarme permette inoltre la riapertura, dalle ore 09:00 del 22 marzo, della Strada Statale 469 Sebina Occidentale. Non mancano, in questi giorni, interpellanze parlamentari e petizioni affinché la situazione non sia del tutto accantonata, ma tenuta monitorata onde evitare nuovi allarmi.

Share This