Un operaio della Arrighini di Cividate Camuno, Gabriel Vasile Popa, 50 anni, è morto in un infortunio sul lavoro domenica mattina.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della Compagnia di Breno e dai tecnici dell’Ats della Montagna, l’operaio stava movimentando un palo di circa sette-otto metri quando, per cause in corso di accertamento, sarebbe stato colpito dallo stesso al torace.

Un colpo che ha subito allarmato compagni e datore di lavoro, che avrebbero deciso di caricare Popa in auto e dirigersi autonomamente verso Esine per non perdere minuti preziosi.

Prima dell’arrivo in ospedale, però, l’operaio era già morto. I carabinieri di Brescia hanno posto sotto sequestro il capannone dell’azienda mentre la salma dell’operaio si trova nella camera mortuaria del nosocomio camuno a disposizione dell’autorità giudiziaria che dovrà stabilire se disporre l’autopsia.

Gabriel Vasile Popa, di origini rumene, da una decina di anni era residente alla Sacca di Esine insieme alla moglie e a un figlio 22enne che frequenta l’università.

Share This