La zona arancione rafforzata in cui si trova tutta la Lombardia non impedisce a qualcuno di cercare delle scorciatoie. Per questo, anche in Vallecamonica, i carabinieri continuano a perlustrare il territorio e controllare che le attività commerciali rispettino le limitazioni.

Non è andata così, ad esempio, a Darfo: qui i militari nei giorni scorsi hanno notato, verso le ore 19:00, delle persone all’interno di un bar, attività a cui è consentito solo l’aperto e fino alle 18:00. La loro presenza ha causato un fuggi fuggi generale: cinque delle persone presenti si sono nascoste nel bagno, mentre la proprietaria ha provato a giustificarsi sostenendo di stare ultimando le pulizie.

I carabinieri hanno capito subito cosa stesse succedendo ed hanno stanato i clienti nascosti: tra questi, anche un pregiudicato di origini siciliane di 50 anni che (dopo aver accennato una fuga) ha spintonato un carabiniere.

Il 50enne è stato però bloccato e tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale: dopo aver trascorso la notte in camera di sicurezza, è stato portato in Tribunale a Brescia per l’udienza di convalida. Gli altri clienti e la proprietaria del bar, invece, sono stati multati.

Share This