Il consiglio di amministrazione di Comisa, l’azienda di Pisogne specializzata nel settore idrotermosanitario e degli impianti di riscaldamento e di raffreddamento a pavimento nell’ultima seduta ha deciso di destinare oltre 100mila euro alla voce straordinaria “aiuto alle famiglie”. I contributi verranno erogati già nella busta paga di maggio: 500 euro lordi a ogni dipendente quale aiuto una tantum per superare il momento, che è difficile per molti, alle prese con i rincari anche pesanti delle bollette e delle spese quotidiane.

Il patron Federico De Lisi in un momento complicato, a livello di costi, anche per la stessa azienda, ha inviato a ognuno dei suoi dipendenti – circa 150 – una comunicazione in cui si leggono i ringraziamenti “per l’impegno prestato in questo biennio particolarmente impegnativo e critico, anche per le vostre famiglie”.

Un’azienda, quella della famiglia De Lisi, che si è già distinta nel welfare aziendale in passato e che presto farà un passo in avanti anche in tema di sostenibilità, nonché di competitività. È ormai arrivato in porto l’investimento da 30 milioni di euro nei nuovi capannoni e nella nuova struttura, in cui al posto di energie da combustibili fossili e gas si guarda al fotovoltaico e alle pompe di calore per un basso impatto ambientale.

Share This