Un 60enne di Malegno è finito in arresto nelle scorse ore per spaccio di cocaina. Il camuno è incappato nei controlli che i carabinieri stanno effettuando sul territorio per verificare il rispetto delle disposizioni del Dpcm in vigore in questa Fase 2.

L’uomo era già conosciuto alla forze dell’ordine: meno di sei mesi fa, nel dicembre 2019, era stato arrestato, sempre per spaccio di cocaina, dai carabinieri della Compagnia di Breno. Il Gip del tribunale di Brescia, al fine di limitare la sua illecita attività, gli aveva imposto l’obbligo di dimora nel comune di residenza.

Il 60enne venerdì pomeriggio si è recato in auto a Cividate Camuno e i carabinieri in servizio hanno notato la sua macchina in una stradina secondaria, ferma vicino ad un altro veicolo. Solo un contatto repentino, poi i due sono ripartiti uscendo dalla via.

I militari sono riusciti però a bloccare l’acquirente, sorpreso con due grammi di cocaina comprata dal 60enne. Questo intanto, alla vista della pattuglia, si è diretto a forte velocità verso casa, ma è stato a sua volta fermato, controllato e tratto in arresto per lo spaccio della droga.

Dopo aver trascorso la notte in camera di sicurezza, l’uomo ha preso parte dal comando di via Dassa all’udienza di convalida del suo arresto che è avvenuta in modalità telematica. Il Giudice delle indagini preliminari di Brescia ha aggiunto all’obbligo di dimora quello di presentazione giornaliera ai carabinieri.

Share This