Continuano nelle acque bergamasche del lago d’Iseo le ricerche di Renato Paris, il 52enne di Riva di Solto scomparso la mattina del 2 giugno.

Renato Paris (foto Eco di Bergamo)

L’uomo, secondo le testimonianze, quel giorno è stato visto nella piazzetta del porto, poi si sarebbe allontanato verso il campeggio del paese. Da quel momento nessuno l’avrebbe più incontrato.

Una volta scattato l’allarme, Protezione civile e forze dell’ordine l’avevano cercato per quattro giorni, per poi sospendere le ricerche: sia nei boschi che nelle zone di lago perlustrate non era stato individuato alcun indizio.

I Vigili del fuoco del distaccamento dei volontari di Lovere, del distaccamento di Clusone, del comando provinciale di Bergamo e del comando di Milano lo avevano cercato nel lago con i sommozzatori e le squadre del Soccorso alpinistico fluviale, ma di Renato, single che vive con i genitori, nessuna traccia.

Questa settimana si sta facendo un nuovo tentativo di ricerca grazie alle Ucl (Unità di Comando Locale) e Tas (Topografia Applicata al Soccorso) dei Vigili del fuoco di Bergamo, al distaccamento volontari di Lovere – sul Sebino con un gommone per l’assistenza – e ai Sommozzatori dei Vigili del fuoco di Trento con drone sottomarino, coadiuvati dai Sommozzatori dei Vigili del fuoco di Milano. Un dispiegamento di forze che si spera possa risolvere il mistero della scomparsa del 52enne.

Share This