Ha cercato di nascondere il vero motivo per cui era uscito di casa, ma i carabinieri lo hanno scoperto subito. Nei giorni scorsi un 32enne di Darfo è stato fermato dai militari mentre girava in sella alla propria bici, durante un controllo per verificare il rispetto delle disposizioni del D.P.C.M. in vigore in queste settimane.

Il giovane si è giustificato dicendo che stava andando a prelevare al bancomat, ma quando ha tirato fuori dal portafogli l’autocertificazione, i carabinieri hanno notato cinque dosi di cocaina. Immediata, quindi, la perquisizione nella sua casa, ma alla vista dei militare la madre del giovane, una donna di 56 anni, si è scagliata contro di loro, cercando di impedirne l’ingresso.

In casa, infatti, sono state altre sette dosi di cocaina e duecento grammi di marijuana. Il 32enne è stato così arrestato per detenzione ai fini di spaccio di droga, mentre sua madre per resistenza a pubblico ufficiale. I due, lunedì, sono stati portati in caserma a Breno, dove hanno preso parte all’udienza di convalida, svolta in collegamento via internet con il Tribunale di Brescia.

Share This