E’ l’Asst di Vallecamonica il primo destinatario del Premio Sandro Farisoglio, istituito nei mesi scorsi dalla Comunità Montana in ricordo del compianto presidente dell’ente comprensoriale ed ex sindaco di Breno, venuto a mancare nel gennaio scorso.

La consegna del premio è avvenuta mercoledì mattina nell’aula magna dell’Ospedale di Esine: presenti Sandro Bonomelli, presidente della Comunità Montana; Angelo Farisoglio; Maurizio Galavotti, direttore generale dell’Asst; Giorgio Buzzi, amministratore delegato del Gruppo Lucefin di Esine nonché amico di Sandro e Mattia Trotta, artista la cui opera è stata donata da Buzzi all’ospedale.

La scelta di assegnare il Premio all’Asst, ha spiegato Bonomelli, è dovuta all'”’impegno di tutta la struttura ospedaliera, un riferimento di speranza nell’emergenza sanitaria”. Il presidente ne ha approfittato per rivolgere “un grazie a tutti, partendo dal direttore generale Maurizio Galavotti per quello che è stato fatto e per aver creato un modello unico di intervento sul territorio”.

La mattinata ha visto anche la donazione dell’opera di Trotta, sulla quale è stata apposta una targa con la frase “Vivere la vita senza indugi, con la consapevolezza di dover un segno indelebile. Grazie Sandro”. Quindi, ci si è spostati all’esterno dove, alla presenza dei sindaci camuni, di mons. Tino Clementi e del Capitano Filiberto Rosano dei carabinieri della Compagnia di Breno è stato benedetto ed inaugurato il giardino dedicato a Farisoglio, il cui taglio del nastro è stato affidato alla moglie ed alla figlia.

Il giardino, all’ingresso del nosocomio, è stato realizzato con il premio in denaro incluso nel riconoscimento che la Comunità Montana assegnerà ogni anno in occasione delle feste natalizie. Una somma con cui l’Asst sistemerà anche i parcheggi e le aree limitrofe.

Share This